LIBRI ILLUSTRATI – Angelo Mozzillo/Silvia Gariglio – Ho scritto un libro per te (Ma non è questo)/(Camelozampa)

Titolo: Ho scritto un libro per te (Ma non è questo)

Autore: Angelo Mozzillo/Silvia Gariglio

Casa Editrice: Camelozampa

Caratteristiche: pag. 36, 21,5 x 30 cm.

Prezzo: 17,90 €

ISBN: 9791254641118

 

Sospirate visioni di intenti a ricreare immagini, storie, avventure figurate nel complesso mondo dell’esistenza umana che diventano punto primordiale, oserei dire, per dare un senso ai legami, al nostro stare, a quella ricerca continua che ci fa sentire parti necessarie per qualcosa di più grande e in continuo e perenne cambiamento.

Nella leggerezza delle superbe immagini ad acquarello di Silvia Gariglio ci sta la bellezza di un itinerario che ci porta e ci trasporta tra le pagine di un illustrato che racconta di un libro che non è mai stato scritto. Un desiderio espresso a grande voce, una dedica per amore e con amore verso un mondo di sentimenti che qui vive, esplode, perpetua e governa l’orizzonte temporale destinato a comprendere l’universo della quotidianità attesa.

Sono fotografie, piccole nostalgie a colorare il ricordo o più semplicemente un’idea geniale di Angelo Mozzillo che si fa dono e smisurata prova di meraviglia per tutte le mamme di questo nostro esistere. Un accudire che si fa brainstorming di pensiero, accecante sensazione di pienezza e stupore nello scorrere un cartonato d’autore che si fa promessa, completo abbandono, passione nel coltivare le speranze per il futuro.

Già dalla copertina ci sono gli elementi fondamentali per conoscere una poetica che accarezza con trasporto e la scelta intrinseca del colore è vivace e nel contempo elegante.

Ho scritto un libro per te (Ma non è questo), uscito per Camelozampa, racconta, in modo personale, la potenza delle immagini e delle parole. Parole e immagini che si fanno veicolo necessario per i sogni a venire e indelebile bisogno di dichiarare il proprio volere. Un illustrato che sussurra un senso di fiducia profondo tra le piccole cose di ogni giorno che vale la pena ricordare.

Per info e per acquistare il libro:

https://www.camelozampa.com/shop/ho-scritto-un-libro-per-te-ma-non-e-questo/

LIBRI ILLUSTRATI – Eva Lindström – Niente è impossibile per noi (Camelozampa)

 

Titolo: Niente è impossibile per noi

Autrice: Eva Lindström

Casa Editrice: Camelozampa

Caratteristiche: pag. 32, 21 x 28 cm.

Prezzo: 16,90 €

ISBN: 9791254641095

 

 

L’unione oltre le barriere di ogni giorno che intensifica le visioni che portiamo dentro al nostro cuore ributtandole nella quotidianità, amalgamando i sentimenti, le sensazioni, gli attimi da condividere, forti, unici e irripetibili. Uno stare oltre le tempeste che diventa parte di un tutto, un legame che si fa portante perpetuando i sogni a venire nelle circostanze, a volte nefaste che la vita ci propone.

Un libro delicato e commovente che racconta le situazioni dell’infanzia entrando in punta di piedi in ipotetiche visioni dell’assenza qui esorcizzate grazie ad uno stare che si fa gioco, ombra che nasconde, lacrime da dimenticare nella concentrazione totale, nel vuoto da colmare attraverso la speranza.

Momenti tangibili quindi che avvolgono i due bambini protagonisti di questa storia disegnati come se fossero alieni atterrati in un nuovo pianeta, un nuovo mondo, una nuova città. Con loro solo la mamma e il cane King. Il papà, invece, dove sarà?

Da questo interrogativo l’apertura verso nuovi universi di interpretazione che raccolgono un’idea di mancanza capace di diventare viva e come pensiero costante ritorna, di tanto in tanto, tra le pagine di un illustrato d’autore che scava nelle complessità delle vicende umane in modo leggero, ma nel contempo in simbiosi con il lettore.

Eva Lindström, prolifica scrittrice e illustratrice svedese, percepisce le delicatezze del vivere e le riporta su carta quasi fosse un trionfo di colore educato, un disegno che si fa pittura a riempire sfondi, gesti, elementi discostanti con la stessa narrazione che penetrano la normalità e chiarificano l’attesa.

Portato in Italia da Camelozampa, con l’importante traduzione di Laura Cangemi, Niente è impossibile per noi parla di rapporti, di perdita e lontananza, ma lo fa in modo che tutti gli elementi in gioco siano essenziali e ben orchestrati da poter superare qualsiasi triste difficoltà. Un libro lieve come carezza, caldo come un abbraccio.

Per info e per acquistare il libro:

https://www.camelozampa.com/shop/niente-e-impossibile-per-noi/

Luca Maciacchini – La farmacia potrebbe anche non esserci (RadiciMusic Records)

Influenze e radici di una musica del passato si stagliano nel presente a raccontare elementi di congiunzione con un’epoca che non esiste più, ma che ritrovano, nella quotidianità, gli stessi problemi e le stesse ansie da affrontare. Luca Maciacchini confeziona un disco strutturalmente ineccepibile dove la canzone d’autore di Gaber si fonde con l’umorismo pop di Jannacci ad intavolare un discorso che mescola i suoni con il teatro e l’avanguardia. Una narrazione che affoga nei vizi quotidiani mostrando le brutture di una realtà in dissoluzione. Un modo di porsi che diventa punto nevralgico per comprendere una poetica spogliata dagli orpelli strumentali e che riesce a consegnarci un modo di essere, nudo e crudo, dove le parole protagoniste acquisiscono forma nel palcoscenico della vita. Ecco allora che pezzi come Carta cambia, Il titolista, Si bussa…, Tasche rare, scorrono a disegnare un quadro d’insieme mai banale, ponderato e di sicuro effetto. La farmacia potrebbe anche non esserci gioca con i contrasti, con gli ossimori della nostra esistenza costruendo legami e assaporando quella sensazione di bellezza leggera che ricopre ogni cosa.


Muni – Oltre Tutto (Lacryma Dischi)

Muni

Commistione di generi in divenire che non si accontentano, ma che fanno della ricerca un’esperienza interiore nel tentativo di dare spessore ad una prova che incorpora una materia primordiale mai banale. Lorenzo Meazzini, in arte Muni, ci consegna un album sciamanico, camaleontico e cangiante che parla grazie ad una musica d’autore, il folk, il cantautorato, incrociando il miglior Battisti con un qualcosa di più moderno che attraversa le visioni di Samuele Bersani e Max Gazzè ad approfondire storie, paesaggi sonori, menti aperte che guardano oltre l’orizzonte per cercare una sorta di via di fuga da questa nostra realtà. La particolarità delle immagini musicali ricreate si sposano con un suono mediterraneo che incontra Occidente e Oriente in una visione continua che diventa narrazione e speranza, spazi di conquista e momenti di meditazione interiore. Sono otto tracce che si aprono con un’intro ancestrale e via via producono spessore verbale con pezzi quali Il lupo, Pianoforte, Sfera di cristallo, Verde, per un album che nella sua totalità raccoglie le radici dal passato per consegnarci un futuro rivisitato e del tutto personale, sicuramente riuscito.


Mancino – L’allergia alle cose che ho amato (Disordine Dischi)

Audio CD Mancino - l'allergia alle cose che Ho

Cantautorato sospeso sul filo del ricordo intessuto di elementi e anfratti mai celati che riescono a comporre un diario di vita sostanziale ed emblematico in grado di fotografare pezzi di ricordi e istantanee che non torneranno. Il disco di Mancino suona classicheggiante e riesce a far confluire emozioni all’interno di quella scatola chiamata quotidianità che fagocita e comprime gli spazi. Un album pregno di poesia e lirismo dove gli appunti della realtà sono sostanze essenziali per tirare la retta del nostro stare incastrando il cuore all’interno di orizzonti troppo brevi. L’allergia alle cose che ho amato è un disco che consuma, lo fa dal di dentro, cercando le parole più appropriate. L’allergia, Menomale, Una verità, Colpo del mondo, sono solo alcuni dei momenti esistenziali che cercano di comporre un quadro d’insieme dove l’amore, messo in primo, è preponderante e sincero e dove il risultato d’insieme ricrea una matura omogeneità. Mancino sa costruire canzoni da mare calmo e tempeste in arrivo.


No Dada – Fossili del futuro (Soundinside Records)

NO DADA - Fossili dal futuro - Radiocoop

Immense visioni industrial si sposano con la concatenazione degli eventi che ci investono ogni giorno sradicando presupposti per un futuro migliore e dando alla luce un disco che nel buio trova riparo, dimora, punto di contatto con qualcosa di indefinito, ma vicino alle catastrofi che respiriamo. Fossili del futuro è il primo esperimento prodotto dal collettivo napoletano No Dada costruito attorno alle menti di Lorenzo Campese e Marco Maiolino e dall’illustratrice Federica De Simone in una rincorsa onirica che da valore aggiunto ad elementi non tangibili e mentali rendendoli punto di contatto necessario per comprendere quella sensazione di indefinito che ci avvolge e ammalia. Sono dieci canzoni, dieci tratteggi emozionali e fantascientifici dove tutto sembra confluire all’interno di un’opera enorme e irraggiungibile. Un disco multiforme e importante, un modo diverso, unico, di raccontare l’universo intorno a noi dove l’elettronica e le orchestrazioni diventano cuore pulsante di un ragionato quadro in divenire.


Valente – Radio sky remixes (Dischi soviet studio)

Valente, “Radio Sky Remixes”: disponibile online l'EP di remix.

Partire da un lavoro di cesello per costruire architetture metafisiche in grado di dare nuova forma e sostanza a visioni perpendicolari e a suoni strutturati qui per l’occasione rivisitati a dovere in un vortice di sensazioni, oserei dire viscerali, che stupiscono per veridicità e potenza di comunicazione. Una battaglia tra spade laser a suon di musica elettronica mescolata al dub per un’evoluzione che parte da una solida base e pian piano amplifica, rimarginando le ferire del tempo e dando quella sensazione che ogni cosa sia stata fatta per il meglio. Quattro tracce per un EP che si muove dalla title track fino a Smile passando per la bellissima Children off the beat e la riuscita Fly per un risultato d’insieme invitante, mai categorico che riesce a smuovere anche i più duri di cuore e percependo un nuovo futuro in ciò che verrà. Un lavoro riuscito, una piccola perla da assaporare nell’estate che avanza.


LIBRI ILLUSTRATI – Gerardo Attanasio/Bianca De Magistris – Filastrocche selvatiche (Storiedichi Edizioni)

Titolo: Filastrocche selvatiche

Autore: Gerardo Attanasio/Bianca De Magistris

Casa Editrice: Storiedichi Edizioni

Caratteristiche: pag. 40, 20×20 cm.

Prezzo: 14,90 €

ISBN: 9791281160040

Odore di bosco e sfumature di colori che si affacciano alla realtà perpetuando l’idea immutata nel tempo che la natura, con la sua bellezza indiscussa, sovrasta il nostro vivere e ci pone di fronte ad interrogativi necessari per poter completare il nostro percorso di esseri viventi in armonia con il tutto che ci circonda.

Sfumature emozionali quindi che ricoprono la superficie dei sentieri di montagna grazie ad uno scricchiolare amico che diventa passo nell’incedere di ogni giorno strutturando l’attesa del nuovo all’interno di un vortice continuo che profuma di tempo e stagioni, di piccole vite a ripopolare la terra, l’ambiente, l’aria che nei polmoni respiriamo.

Filastrocche selvatiche è una piccola perla nel mare magnum delle produzioni di illustrati per l’infanzia di questo nostro tempo. Mi ha colpito la semplicità e la ricercatezza al tempo stesso, del testo, delle parole che diventano veicolo per descrivere, mai nascondere, ma piuttosto evolvere in interrogativo essenziale nel labirinto di ciò che viene tramandato.

Gerardo Attanasio, cantautore e autore per lo Zecchino d’Oro, si cimenta in una prova davvero importante nella sua naturalezza di fondo ad imprimere spessore e lanciando le grafiche accattivanti ed eterogenee, ma legate al filo della bellezza, di Bianca De Magistris alla sua prima prova come illustratrice di albi per ragazzi.

Capriolo, fagiano, scoiattolo, porcospino, volpe, tasso, lupo, sono solo alcuni degli animali che popolano questo cartonato d’autore in un susseguirsi di filastrocche che si fanno apertura e conoscenza da scovare tra le foglie, negli alberi dei paesaggi che abitiamo.

Il libro uscito per Storiedichi Edizioni, casa editrice veneziana, sempre più presente, con libri di qualità, nel panorama italiano di genere, riesce nell’intento di far avvicinare i più piccoli al mondo degli animali attraverso poesie tangibili e concrete che si fanno avventura e scoperta, cartina per comprendere, coordinate da ammirare con il sorriso e da scoprire con il cuore.

Per info e per acquistare il libro:

https://storiedichiedizioni.it/libri/filastrocche-selvatiche/

 

LIBRI – Donato Zoppo – CSI/E’ stato un tempo il mondo (Compagnia editoriale Aliberti)

 

Titolo: CSI – E’ stato un tempo il mondo

Autore: Donato Zoppo

Casa Editrice: Compagnia editoriale Aliberti

Caratteristiche: pp. 208, 10,7 x 17,8 cm.

Prezzo: 16,90 €

ISBN: 9788857020471

 

Lavoro certosino e di cesello ad imprimere sulla macchina fotografica del tempo polaroid mai sbiadite di un passato vivo e luminoso, semplice e grandioso nella sua interezza, costruito attorno ad un mondo in dissoluzione, ma contemporaneamente in grado di delineare la storia, comporre il presente, ricercare il futuro.

Nel libro di Donato Zoppo si tratteggiano nuovi paesaggi necessari per capire, senza confondersi, l’importanza di una band seminale, sottolineando, in modo naturale, un passaggio necessario da ciò che era, i CCCP, a ciò che è poi diventata, i CSI, in un progredire continuo di maturità artistica, contagiosa e bisogno sicuramente essenziale di voler comunicare un approccio diverso e originale alla musica italiana dell’epoca.

Sono passati trent’anni e quell’immensità raggiunta con KO de mondo risuona ancora, senza consumarsi, nell’immaginario collettivo. A tratti, Palpitazione tenue, Del mondo, Intimisto, Occidente, Memorie di una testa tagliata, In viaggio, Fuochi nella notte, sono ancora pezzi in grado di scardinare la realtà trasportandoci in un universo parallelo, lontano e vicino allo stesso tempo.

Un mondo che trova in questo scritto particelle di solitudini che riescono a rinvangare e ringiovanire una nuova voce corale unita ad uno stare che diventa viaggio, meta e circostanze, forme che si autodefiniscono pian piano, costruzioni su costruzioni.

E’ stato un tempo il mondo è un itinerario complesso e tenace. Un racconto collettivo ricco di aneddoti, spunti li oserei definire, che aiutano a comprendere la singolarità di una rock band, se così possiamo definirla e nel contempo ricercano, nel profondo, una chiave espressiva utile a far capire al lettore l’anima, il cuore pulsante dei CSI.

Ferretti e Zamboni, Maroccolo, Canali, Magnelli, Pino Gulli, Alessandro Gerbi, Ginevra Di Marco e poi ancora Saint-Jean-du-Doigt, Finistère, la Bretagna. Punti d’unione sulla cartina del vivere, coordinate geografiche nel tentativo di percepire qualcosa di più grande e maestoso, solenne come ho sempre pensato, irraggiungibile.

Donato Zoppo crea e arricchisce un testo che riesce a tracciare i lineamenti di un momento storico sospeso che non ritornerà. Un punto d’inizio, alla Fine della Terra che ha cambiato per sempre la concezione del rock in Italia. Un libro sui cambiamenti, sull’evoluzione. Un testo che perpetua bellezza, voglia di scoprire, di andare oltre. Un’ascensione di meraviglia prima del buio.

Per info e per acquistare il libro:

https://www.aliberticompagniaeditoriale.it/libro/9788893236591

 

Uncle muff – Adrift (Overdub Recordings)

Adrift è una visione di un mondo in dissoluzione che intercetta momenti abissali per parlare, in modo del tutto originale, di temi cari alla stessa band cercando di creare una sorta di concept strutturato che ha come tema portante e centrale quello dell’acqua. Il nuovo degli Uncle muff è una mescolanza, suona stranissimo, un alternative sperimentale che oltrepassa le concezioni classiche del già sentito per donarci un’eterogeneità di fondo percepibile ad ogni latitudine conosciuta. Ecco allora che gli elementi psichedelici si sposano con il low-fi e l’elettronica, attraversando maree e cercando di dare sempre e comunque un tocco unico e personale alla miriade di sfumature percepibili in questa perla rara da custodire. Da I, like you fino a House in the water c’è il tentativo di una band di mettersi in discussione, estraendo, dal cilindro del vivere, un disco da ammirare come una piccola opera d’arte.