-FUMETTI- Patrizia Rinaldi/Marco Paci – Il regno dei disertori (Sinnos)

Titolo: Il regno dei disertori

Autori: Patrizia Rinaldi/Marco Paci

Casa Editrice: Sinnos

Caratteristiche: brossura, pag. 96, 16,5 x 23,5

Prezzo: 13,00 €

ISBN: 9788876093890

 

Linguaggio poetico ermetico per spruzzate di colore convincenti a delineare un tratto deciso e immediato impreziosito da sovrapposizioni che negli occhi trovano il conforto di un’attesa rapida e pronta a sfociare in attacco, in fuga, in rivincita. Bagliori notturni che mirano al nascere del sole, laggiù oltre la collina dell’adolescenza, quella collina che mostra pian piano un’età adulta in perenne bilico di presenza, ma ancora troppo lontana per convincersi a cambiare strada, a cambiare punto di vista, a cambiare noi stessi.

Ritorna la coppia rodata Paci e Rinaldi, ritorna con un fumetto all’altezza del predecessore, La compagnia dei soli, evidenziando stilisticamente una prosecuzione ammirevole ricca di rimandi e parallelismi che sfociano in quell’età di mezzo che racchiude al proprio interno lo scrigno del nostro essere attuali, del nostro venire al mondo per come ci conosciamo. Avventura grafica quindi di grande importanza questa che ci riporta alla mente i protagonisti della precedente, fortunata, fatica e costringe il lettore ad essere parte fondamentale di una libertà da conquistare ad ogni costo, quella libertà che nasce dal confronto e dalla visione interna del nostro io che scava e trova sicurezza anche nelle tragedie di ogni giorno, anche all’interno di una vita ai margini che nell’unione amplifica l’insperato e le sensazioni di incertezza che respiriamo.

Il regno dei disertori si pone fuori dallo spazio e dal tempo. C’è un universo violento popolato da fuorilegge, eserciti, malviventi e da una singolare compagnia eterogenea, capitanata da una ragazza, con un compito preciso: quello di portare la pace laddove il pensiero sembra essersi fermato in una trasformazione che dalla fuga ci accompagna pian piano in un’idealizzazione sempre più tangibile di ciò che possiamo definire libertà.

Testi e disegni come sempre creano sensazioni viscerali che alterano le nostre abilità sensoriali trasformando l’estetica in qualcosa di primitivo, emozionante e in simbiosi con un mondo in subbuglio. I personaggi caratterizzati narrano di vite senza nascondere la parte più oscura del proprio essere estrapolando a dovere una sorta di bisogno comunicativo capace di condurci all’interno di un nuovo modo di intendere il fumetto d’adolescenza.

Anche in questo caso Sinnos ci regala un titolo davvero importante che forse continuerà, un giorno con un nuovo finale, ad unire un quadro dove atomi infinitamente piccoli si confronteranno e si completeranno. Un disegno d’insieme che mira a ristabilire, forse, un equilibrio tra animali notturni in cerca di una propria e personale rivincita di coraggio all’interno di un mondo senza fine. 


Per info e per acquistare il libro:

https://www.sinnos.org/prodotto/il-regno-dei-disertori/

Pubblicato in FUMETTI | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

-FUMETTI- Annette Herzog/Rasmus Bregnhøi/Katrine Clante – D’amore e altre tempeste. (Sinnos)

Titolo: D’amore e altre tempeste

Autori: Annette Herzog/Rasmus Bregnhøi/Katrine Clante

Casa Editrice: Sinnos

Caratteristiche: brossura, pag. 128, 16,5 x 23,5 cm.

Prezzo: 14,00 €

ISBN: 9788876094026

Correre lungo i sentieri della vita, tra cuori d’adolescenza perduta a riscoprire la bellezza dell’incontro, i rossori degli sguardi, i palpiti del giorno dopo, la comunione d’intenti malcelata, gli intrecci di una realtà sempre più presente. Tutti noi siamo stati giovani e un po’ a dirlo mi sento vecchio. Tutti noi portiamo dentro un senso, conforme alle nostre esperienze, tanto caro da risultare essenziale quando rivolgiamo al diario del ricordo, il nostro sguardo, il nostro essere pienamente noi stessi.

Sinnos scommette sui giovani adolescenti sempre più visti come categoria di un mondo a se stante poco integrata nelle dinamiche degli adulti e lontana ormai dalla spensieratezza dell’infanzia. Scommette con gran capacità d’analisi su di un fumetto scritto da Annette Herzog e con le illustrazioni di Rasmus Bregnhøi e Katrine Clante capaci di portare il lettore all’interno di una storia in cui il riconoscersi è del tutto naturale e alquanto auspicabile attraverso forme che non hanno bisogno di troppe interpretazioni, ma si rivolgono, in modo diretto, a tutti gli adolescenti, raccontando di vissuti e strade che li accomunano.

D’amore e altre tempeste è una storia che ha un fronte e un retro, la narrazione procede da un lato dal punto di vista di Viola e dall’altro dal punto di vista di Storm, narrazione che esplode all’incontro dei due, all’innamoramento che li porterà a ritrovarsi sui sentieri della vita. Il linguaggio utilizzato è accattivante, vengono toccati temi come la sessualità, il rapporto con i genitori e gli amici, i disegni parlano invece ad una generazione con linee marcate e nervose, dirette e per certi versi dettagliate. Il tutto ambisce a ricostruire un universo veicolando significati, insegnamenti e domande; tante questioni soggettive che non rientrano in nessuna categoria precisa, ma che concorrono inevitabilmente alla formazione di ciò che i giovani diventeranno.

Un fumetto che si legge in maniera scorrevole raccontando con incanto i ricordi e le esperienze di un mondo che chiede la giusta attenzione e il giusto sguardo nei confronti di una realtà in continua evoluzione. Una narrazione leggera poi convince sin da subito e i colori tenui e delicati delle tavole proposte sono l’esemplificazione di un pianeta che si regge sul filo di un’equilibrista per un mondo in cambiamento assettato di conoscenza e privo di timore. Un universo che si muove con il vento contro, ma sicuro, fin dagli inizi, della strada da seguire. 


Per info e per acquistare il fumetto:

https://www.sinnos.org/damore-e-altre-tempeste/

Pubblicato in FUMETTI | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

March. – Safe & Unsound (Cello Label)

March.: il suo album "Safe & Unsound" uscirà a dicembre

Disco che ingloba un senso comune e carpisce l’attimo per trasmettere essenza e pienezza allo stato puro raccontando di un mondo in diffusione continua e partecipando alla spiegazione di un universo complesso che tenta di trovare la propria apertura verso casa. Il disco di March. tocca il cantautorato per esplodere in energia rock introspettiva e malinconica piena di richiami agli anni ’90 e attuale quanto basta per dare un senso diverso e costante a questo nostro vivere moderno. Safe & Unsound parla da vicino del nostro mondo, lo fa con carezze d’autore che circoscrivono l’essenza stessa di questa musica contaminata abbracciando, a tratti, generi diversi come il pop e il country. Marcello Mereu, in arte March., ci porta dentro al suo mondo, da Long cold summer fino a Private affair a ristabilire un contatto con le emozioni e con l’essenza della vita stessa. 


Pubblicato in Musica d'autore | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Space aliens from outer space – Nebulosity (Escape from today/Cheap satamism)

L'immagine può contenere: 2 persone, persone in piedi e barba

Suoni gutturali dall’oltretomba che affondano le radici in galassie lontane dove la sperimentazione elettronica si fonde con un bisogno intrinseco di raccontare nuove esperienze divaganti e metaforiche capaci di convogliare energia oscura all’interno di un disco sempre aperto a nuove concentrazioni imponenti. L’album dei SAFOS include l’immaginario composito e attanaglia sapori e costrutti che saldano gli intenti e convincono in un immaginario collettivo cinematografico fatto di vocoder, suoni destabilizzanti e tanta energia allo stato puro in posizione verticale pronta a lanciarsi nello spazio più oscuro. Nebulosity convoglia suoni che sembrano provenire da altre dimensioni e non deludono l’ascoltatore, anzi, cercano di fare della psichedelia cosmica a propulsione, in sodalizio comune con tutto ciò che sentiamo dentro, un punto di contatto tra la terra e il cielo. 


Pubblicato in Avanguardie, Elettronica | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Jane Doe – Jane Doe (Resisto)

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Poppettino granitico condito dal rock a profusione e spruzzato qua e là da interventi in solitaria che danno spazio all’introspezione e al coraggio nel dare senso a forme aperte di impatto emozionale. Il piccolo disco dei Jane Doe è un album diretto, spontaneo, ma che non lascia nulla al caso. Pagine e pagine del diario della vita riversate in sommossa ad incentrare fotografie che parlano di questa e altre necessità, fotografie che ci riguardano da vicino e fanno parte del nostro venire al mondo. La voce convincente di Irene Zerbini costruisce, con gli altri strumentisti, un insieme di canzoni che travalicano in parte il pop del momento per ritrovare nelle radici delle decadi passate, un punto di partenza necessario per comprendere questa musica di ampio respiro e di sicura presa, tra la pianura e la città, tra la notte e il buio che ci accompagnano ogni giorno. 


Pubblicato in Alternative Rock, Indie Pop | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Mr. Hope – Long way home (Resisto)

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Lontani da casa, in un paese straniero a raccontare e a raccontarsi, incidere su pietra ricordi lontani e disegnare su carta e su legno il futuro migliore che ci attende. Il disco di Mr.Hope parla di rapporti che si consumano e di bisogno di ritornare alle origini per un cantautorato essenziale che nelle solitarie del momento riesce a dare ampio raggio d’azione e di sentimento ad una musica intrappolata che sente la necessità di uscire e comunicare attraverso un sound che spazia dal folk al rock più ricercato e indipendente. Long way home è un disco fatto di quattro canzoni, un istinto gettato su carta, una considerevole prova che convince sin dal primo ascolto e non abbandona l’idea di coesione necessaria e fondante capace di dare spazio a brani che sono istantanee di vita sulla tavolozza colorata di questo cantautore che merita la giusta attenzione. 


Pubblicato in Alternative Rock, Folk | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

FAB – Maps for moon lovers (Altri Ritmi Records)

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Emozioni solitarie che comprimono volti e indirizzano amori lontani sul far della sera a riconquistare parole e opinioni non lasciate al caso, ma piuttosto incasellate all’interno della nostra mente, nella parte più nascosta che ci portiamo dentro. Il disco di FAB parla ai sentimenti più vicini, parla ai ricordi e alle introspezioni attuali con una grazia disarmante, ricordando per certi verso cantautori passati e abbracciando idee musicali che sfiorano l’internazionalità di Counting Crows e Damien Rice. Maps for moon lovers è un disco che si scioglie alla luna di una notte in tempesta, una notte che sa consolare, affievolire e rigenerare, una notte che ci accompagna nelle ore del crepuscolo raccontando di un mondo segreto e racchiuso tra le braccia di due innamorati. Il disco di FAB è una dichiarazione di intenti e di amore, un album leggero e disincantato capace di entrare e guardare, con occhi sempre nuovi, alle meraviglie della vita. 


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Roberto Angelino – Cover Story (Vololibero Edizioni)

Titolo: Cover Story

Autori: Roberto Angelino

Casa Editrice: Vololibero Edizioni

Caratteristiche: brossura, 17 x 24, pag. 192, colori

Prezzo: 25 €

ISBN: 9788832085013

 

Non è sempre facile parlare di musica partendo dalle copertine dei dischi. O meglio se ne è parlato così tanto degli album internazionali che forse in Italia, da questo punto di vista mancava qualcosa che ci portasse a carpire segreti, misteri, aneddoti di ciò che ci colpisce visivamente quando acquistiamo un disco italiano, quando non ci accontentiamo del solo contenuto, ma vogliamo approfondire anche l’aspetto grafico che ha portato ai nostri occhi quella determinata copertina, quella determinata illustrazione.

Cover Story quindi parte già in quarta senza troppi preamboli, ma affidandosi direttamente ad un istinto, ad un fiuto che trasporta nell’immediato noi lettori all’interno di settantasei capitoli che rimandano a centocinquanta cover di dischi sviluppate nel corso del tempo e rigorosamente in ordine alfabetico. Un lavoro davvero prezioso e oserei direi certosino da parte di Roberto Angelino, giornalista per Oggi e Gente che nel corso del tempo ha dimostrato una curiosità particolare per tutto ciò che è segreto e nascosto come in Milano mettiamoci una pietra sopra con aneddoti della città incisi sul marmo di cinquanta targhe storiche dei palazzi o in Milano al verde con un elenco dettagliato dei cinquanta migliori agriturismi della città e della provincia.

La scrittura è interessante, ricorda per certi versi la passione e le conoscenze di Massimo Cotto e la scorrevolezza della lettura ci porta, in un solo libro, a comprendere la storia di alcune delle copertine più interessanti della storia musicale italiana. Da Mina a Battisti, passando per De André, gli Afterhours, i The Zen Circus solo per citarne alcuni, il giornalista milanese approfondisce, mette a confronto e stimola dimostrando una più che buona conoscenza dell’ambito musicale italiota.

Ovviamente è impossibile accontentare tutti e qualche nome, sopratutto della scena indipendente, rimane inevitabilmente fuori. Quel che resta invece è un libro davvero ricco di informazioni capace di dare un’infarinatura esaustiva e abbastanza completa di un mondo in continua espansione. Un lavoro coinvolgente e stratificato che non si accontenta di apparire, ma che piuttosto scava in profondità ridando un senso necessario alla fisicità del supporto e alla sua bellezza nascosta, ma percepibile. 


Per info e per acquistare il libro:

https://www.vololiberoedizioni.it/cover-story/

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Soul island – Shards (Loyal to your dreams)

Risultati immagini per soul island shard

Incrociatori e brividi lungo la schiena per il disco di Soul island a scavare nelle profondità degli abissi un senso percepibile di costanza e bagliore che mescola e diffonde energia vibrante ad ogni ascolto. Il progetto solista del produttore italiano Daniele De Matteis fonde le lezioni di Bon Iver con l’oscurità di James Blake e le costanti visioni di Tricky per un sound davvero importante e di difficile categorizzazione lasciando alle emozioni il compito di condurci in un mondo straniante e destabilizzante. Loser rev, Ocean, Perlin time sono solo alcuni dei momenti più intensi di un album che ricerca nella poliedricità un punto di contatto con strutture che da vicino ci riguardano e che nel loro essere in sintonia con il mondo esterno ci trasportano a conquistare il nostro pezzo di realtà. Shards è un disco importante e maestoso, un’esplosione contorta dell’animo umano, un’esplosione che rincuora e abbaglia ad ogni ascolto. 


Pubblicato in Avanguardie, Elettronica | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Progetto panico – Universo n.6 (DG Records/Phonarchia Dischi)

album Universo N.6 - Progetto Panico

Intrecci sonori contaminati che trasformano il cantautorato italiano in una versione tascabile di un punk pronto ad ammaliare grazie a ritmi e testi diretti che non ricercano l’ambizione di sfondare, ma piuttosto un veicolo di comunicazione efficace e simultaneo in parallelo a questa epoca disintegrata. Il disco dei Progetto panico mira la terra dallo spazio più disperso attraverso una dialettica che diventa concretezza quando si tratta di parlare di cose di tutti i giorni, di cose che non passano inosservate e fanno parte inevitabilmente del nostro venire al mondo. Universo n.6 è un potpourri di gemme e colori rinvigoriti per l’occasione e così intensi da arrovellarsi nelle contraddizioni di questa nostra vita. Prodotto da Alessandro Fiori, l’album della band di Spoleto è una contagiosa prova di coraggio che trasforma l’abitudine in qualcosa di nuovo e multiforme, in qualcosa di incredibilmente psichedelico nella sua varietà di genere più esposta. 


Pubblicato in Alternative Rock, Indie Pop | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento