-LIBRI ILLUSTRATI- Luca Tortolini/Marco Somà – Essere me (Kite Edizioni)

Essere me

Titolo: Essere me

Autori: Luca Tortolini/Marco Somà

Casa Editrice: Kite Edizioni

Caratteristiche: pag. 40, 24×34 cm., colori

Prezzo: 18,00 €

ISBN: 9788867451180

 

Colori tenui di una giungla infinita a far da sfondo alle peripezie umane di un gorilla cinematografico preso sotto corrente dalle luci della ribalta. Una sorta di King Kong edulcorato che strappato dalla sua casa natia si ritrova a concorrere, poco entusiasta, all’interno di un circolo chiamato fama che troppo toglie e ancor meno dona.

Favola contemporanea sull’essere se stessi. Sull’importanza di assomigliare sempre più a quella materia interiore che regala emozioni e che ci portiamo dentro chiamata anima. Un bisogno quindi sempre nuovo di far parte di un tutto diverso da quello imposto dalla società, sottolineando l’importanza di libertà che risiede nel nostro più eterno interno.

Kite pubblica un nuovo cartonato sopraffino. A coadiuvare i testi originali di Luca Tortolini già conosciuto in La volpe e l’aviatore o ne Il catalogo dei giorni, troviamo la maestria riconoscibile di Marco Somà che attraverso illustrazioni minuziose riesce ad incantare pagina su pagina dando omogeneità alla scena creata e veicolando una narrazione esaustiva, leggera e sicuramente contagiosa.

L’illustrato della casa editrice padovana è un piccolo tesoro svelato. L’eleganza che contraddistingue questa tipologia di produzioni letterarie si sposa con un linguaggio che trova un trait d’union con la contemporaneità. L’idea di dipingere il racconto sulla vita cinematografica del gorilla più famoso della storia è qualcosa di geniale che aiuta a veicolare significati, aiuta a veicolare messaggi sul senso della vita e sull’amaro prezzo che bisogna pagare quando, in qualsiasi campo, si deve rinunciare ad un qualcosa per sentirsi arrivati.

Essere me è un libro che ha per protagonista un personaggio alquanto antropomorfo. Il racconto si muove con facile ironia nel rappresentare vizi e virtù di una società che come rete ingloba e non lascia vie di scampo. Tante volte però ritornare sui propri passi è la sola cosa necessaria che ci permette di raggiungere una certa pace interiore qui dipinta come solidità di base nel momento del bisogno, come radice profonda nelle insicurezze e come punto d’arrivo necessario. Essere me insegna a discostare le foglie che oscurano il nostro cuore, insegna a ritrovare la propria via nei gesti interiori di un bisogno soggettivo, ma reale. 


Per info e per acquistare il libro:

https://www.kiteedizioni.it/it/libri/illustrati/essere-me

Pubblicato in LIBRI ILLUSTRATI | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

The incredulous eyes – Mad journey (I dischi del minollo/Furtcore Records)

THE INCREDULOUS EYES - Mad journey - Radiocoop

Architettoniche visioni conturbanti che mescolano movimenti e introspezioni ad un’alternative concentrico in grado di sbattere la faccia sul muro della quotidianità per rimescolare le carte in tavola e dare un senso diverso al mondo circostante. I The incredulous eyes ci regalano una prova davvero sorprendente, fuori da qualsiasi schema lessicale e musicale, ma capace di dare sostanza ad un’energia sempre nuova che incrementa la creatività e lascia spazio a tanta improvvisazione. Il trio attivo da più di dieci anni mette in musica un concept che parla di un viaggio. Racconta di uno scienziato, di una cura insperabile contro il cancro. Racconta di un popolo alieno e quel bisogno di far ritorno verso la propria casa nel tentativo di render miglior quel poco che resta. Il disco in questione racconta di uno scrutare interiore raccogliendo pesanti fardelli e occupando di fisicità la bellezza di questo migrare eterno.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

I-DEA – Umani (Senza Vento)

Umani [Explicit] di I-Dea su Amazon Music - Amazon.it

Disco di classic rock italiano graffiante e conturbante in grado di regalare passato, presente e futuro all’interno di momenti distorti capaci di raccontare, con elegante semplicità, un mondo che non esiste più, un mondo in dissolvenza. Il nuovo album degli I-DEA è un concentrato di pezzi che si fanno denuncia, un concentrato di pezzi che parlano della nostra società e particolarmente affondano le proprie radici all’interno di una musica che vede per protagonisti gli anni ’90 e quell’esplosione di rock contagioso che ha caratterizzato quel momento storico. In Umani c’è molto dei Timoria, lo stesso Omar Pedrini diventa qui per l’occasione cantante nella stessa title track nonché editore dell’intero album. Da Tutti innocenti fino a Tutto brucia i nostri ci regalano un’ispirazione classicheggiante pronta a recuperare il tempo perduto per lasciare un nuovo segno sulle strade della vita.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Darman – Necessità interiore (Autoproduzione)

Darman, “Necessità interiore”: recensione e streaming

Ecletticità disturbante che ricopre spazi ultraterreni di sostanza materica capace di occupare momenti di vita in grado di raccontare bisogni sempre nuovi di recuperare il tempo, di scandagliare lo scibile umano attraverso pezzi che fanno della presenza colorata e architettonicamente esigente un punto fisso di contatto tra l’ascoltatore e lo stesso autore. Ritorna Darman, all’anagrafe Dario Mangiacasale, con un album davvero poliedrico in grado di attraversare decadi di rock dalle punte glam discostandosi per alternatività sospinta nel ricercare una propria via di fuga da questa realtà. Necessità interiore è un bisogno sempre nuovo di creare situazioni mutevoli. Un bisogno di tranquillità che richiede spazi di apertura e quando meno te lo aspetti si trasforma in energia viscerale pronta a colpire. Da pubblicità riflesso a Deformazioni assiali il nostro prende spunto dalla vita circostante per regalarci attimi di denuncia in chiave rock che lasciano il segno.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

La collera – La collera (Alka Record Label)

Recensione: La Collera - La Collera

Indie pop ben congegnato e colorato che riesce ad aprirsi un varco nelle produzioni attuali per freschezza e capacità intrinseca di mescolare parole e musica in un mix esplosivo che attraversa una modernità convincente. La collera confeziona un dischetto davvero intenso per liriche e ambientazioni ricreate. Bellisima e ascoltabilissima la canzone singolo d’apertura Certi posti sono fatti per sentirsi soli ad aprire le porte a pezzi come Una cosa di poco conto, Una nuova bugia e La macchina del veleno. Un EP conciso, ma ben calibrato, capace di incontrare gli Smashing Pumpkins dell’ultimo periodo fino a ricercare nell’immediatezza possibile un’orecchiabilità pop che non delude. Prodotto da Michele Guberti e Manuele Fusaroli La collera colpisce attraverso una sperimentazione che trova nella consuetudine un proprio punto di svolta.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

-FUMETTI- Jonathan Garnier/Rony Hotin – Momo (Tunué)

Momo | Jonathan Garnier e Rony Hotin - Tunué

 

Titolo: Momo

Autori: Jonathan Garnier/Rony Hotin

Casa Editrice: Tunué

Caratteristiche: cartonato, colori

Prezzo: 16,90 €

 

Rincorrere avventure sui cammini che il quotidiano ci presenta. Raccogliere da terra emozioni, farle luccicare al sole e nello stesso tempo trasportarle come marea di persona in persona. Lasciar sedimentare il tempo che avanza per trasformarlo in qualcosa di vivo ed essenziale. Vita vissuta quindi, racconto esperienziale e di formazione che incanta per facilità, bellezza e desiderio di narrare una storia tanto vicina al nostro pensare quanto reale e attesa.

Tunué incanta ancora. Ci porta in Italia una storia scritta e illustrata da Jonathan Garnier e Rony Hotin. Un racconto di amicizia, dove i protagonisti sono caratterizzati a dovere e dove un senso di appartenenza oggettiva si respira pagina dopo pagina nei colori e nelle forme vicine alle idee dello Studio Ghibli, sia per scelta stilistica che per contenuti narrati.

Momo ha cinque anni. Vive in un paesino della Normandia con la propria nonna. Il padre pescatore è costantemente lontano per lavoro. La protagonista dell’intera vicenda sarà quindi costretta a crescere in una realtà da costruire, da far propria, oltrepassando vortici di emozioni. Dolori e gioie del quotidiano da far scorrere nella clessidra del tempo mai perduto e ricercando nella parola amore un nuovo punto di vista, un attracco sicuro nel mare in tempesta.

Stupisce la facilità di esposizione delle vicende narrate. Stupisce lo storytelling semplice e funzionale che non segue schemi precisi, ma lascia allo stupore e appunto alla scoperta la possibilità di proseguire e interiorizzare lo svolgersi delle vicende. I colori poi sono funzionali ai sentimenti e le immagini via via imbrigliate su carta si aprono di pari passo al mondo creato per l’occasione dai due autori.

Momo è un racconto di formazione. Si innesta tra un Totoro e un Ponyo sulla scogliera anche se ne prende le distanze per ambientazioni e significato da veicolare. Momo è un fumetto diretto, capace di entrare, fin dalle prime pagine, nel vivo della vicenda narrata. Nel libro di Jonathan Garnier e di Rony Hotin si respira la bellezza dell’infanzia, delle lunghe ed infinite giornate estive passate all’aperto e di quell’emozione enorme chiamata vita destinata a durare quella frazione di secondo in più di qualsiasi nostra sconfitta o delusione.


Per info e per acquistare il fumetto:

https://www.tunue.com/product-tag/momo/

Pubblicato in FUMETTI | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Monolith Grows! – Interregnum EP (All Right Riserva Recordz)

album Interregnum EP - Monolith Grows!

Bombarde sonore attanagliano e non lasciano scampo nel riscuotere ovazioni continue per uno stoner sporcato dal metal che insegna e si lascia davvero ascoltare. Il mini ep, quasi una demo, dei Monolith Grows!, uscito per la giovane e fresca etichetta di Verona All Right Riserva Recordz, è un concentrato di meraviglie capace di inglobare Kyuss e Opeth in una perfetta sincronia d’animo che riesce a dare senso maggiore e tanto pathos e meraviglia alle architetture cangianti dei nostri in un sodalizio necessario con i cambi umorali del nostro venire al mondo. Interregnum scava nelle profondità, non si accontenta e grazie allo scorrere veloce delle due canzoni proposte per la versione vinile Nicolas Cage, Shade and sleep e per la versione mp3 l’aggiunta del pezzo Nicolas Kim Coppola questa piccola perla preziosa riesce con una certa e disinvolta maestria cambiare ad ogni ascolto le carte in tavola per un risultato d’insieme davvero unico.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Maria Forte – Un re minore (Autoproduzione)

Streaming: Maria Forte - Album - Un Re minore (Industrial, Dark ...

Sconvolgente disco autoprodotto che recupera le ambizioni punk per dare un bisogno sempre nuovo e intenso di ottenebrare una musica fatta per pochi capace di percepire alti gradi di magnitudo e conformare il risultato ad un suono del tutto innovativo. Industrial mescolato a qualsivoglia forma di ricerca per un insieme di pezzi disorientanti e altamente contagiosi, mai banali, ma piuttosto consegnati all’ascoltatore come un pugno unico dritto allo stomaco. Si sfiora la musica d’autore per poi incasellare imponenti discorsi di assuefazione con band del calibro di NIN, A perfect circle in un sodalizio estremo con gli opposti chiaro scuri della nostra vita. Il magma deformante raccontato dal nostro Roberto Maria Forte non è di certo consuetudine, ma è piuttosto ricerca sopraffina di un gusto estetico capace di affrontare il rumore per un risultato finale che ha il sapore della rarefazione e e di tutto ciò che si avvicina alla parte più nascosta della nostra anima.


 

Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Sol21 – Siamo davvero liberi? (Autoproduzione)

Sol21 - Recensione - Siamo davvero liberi? (Rock, Indie, Alternativo)

Nuvole passeggere di vapore in rock amplificano visioni psichedeliche incentrate su di un concept perpetuo che parla da vicino della nostra società e di ciò che potremmo essere. Siamo davvero liberi? è uno stato di necessità, un album completo che affonda radici nel cantautorato per implementare immagini sempre più necessarie di questi tempi. Le atmosfere create dal nostro enfatizzano l’idea di viaggio apparente per condensare imprese interstellari su divani domestici che ci vedono sempre più schiavi di una realtà in dissolvenza. Forme autorali crescono nell’illusione del bene e ci rendono partecipi di un suono condiviso traccia dopo traccia. Da A-mare fino al remix di Sereno è il nostro riappacifica il mondo attorno consegnandoci un album completo sotto molti punti di vista. Un disco mai banale che riscopre la comunicazione in un tempo dove la comunicazione sembra non esistere più.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

IsKra – Controcorrente (Autoproduzione)

IsKra lancia #ControCorrente, cantautorato in direzione ostinata e ...

Paesaggi sonori che affondano nel cantautorato d’insieme per un disco d’esordio che sa attingere dalla tradizione italiana per concentrare ascolti su ascolti in una musica ben suonata e opportunamente variegata. Il disco di Daniele Mangano, in arte IsKra, si concentra su di un bisogno di comunicazione che va oltre le immagini dei giorni migliori per attestarsi all’interno di un mondo costruito ad arte, un mondo fatto di sogni infranti e necessità sempre varie di auto costruzione. Controcorrente prende spunto da De André per elaborare poi un immaginario del tutto personale fatto di pezzi ben costruiti ed emozioni cesellate ascolto su ascolto. IsKra cerca una via soggettiva compiuta e mai isolata. Una via che nel viaggio trova un legame indissolubile con la terra. Un viaggio unico d’amore che parte dall’anima e si concatena in attimi irripetibili difficili da dimenticare.


Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento