La nevicata dell’85 – Secolo (Fumaio Records – Dreamingorilla Records)

nevicataQuesti suoni che entrano come onde in un abisso si divincolano con gran stile e disinvoltura in un vortice di concatenazioni che interrompono melodie scontate per creare quello stato di grazia e malinconia degna di uno stile personale e immaginario.

Per far nascere “La nevicata dell’85” e in questo caso “Secolo” bisogna prendere un po’ di Massimo Volume e Offlaga, qualche cavalcata post rock alla Mars Volta e i suoni del verdeniano “Solo un grande sasso” e il gioco è fatto: un viaggio di introspezione claustrofobica a colmare segni di esagerazione composta e arpeggi silenziosi quasi commoventi che tramutano la luce in sera, il pensiero in abbandono.

I testi sono un concentrato di pensieri in dissolvenza, urla che squarciano e riposi meditativi, possibili mete da raggiungere in un vorticoso divenire.

Tutte le 8 tracce devono essere ascoltate in rigoroso stato di semi oscurità, perchè solo in questa fase si possono carpire le sfumature e l’origine di un album così ben suonato.

Un disco immacolato quindi che prende forza e vita dal turbamento quotidiano rischiando di diventare colonna sonora per l’inverno che verrà.

Se uscite attenti al ghiaccio.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.