We fog – Float (Autoproduzione)

Inclassificabile gusto per le sonorità anni ’90 che riempiono l’atmosfera di tappeti sonori che si dipanano in un mondo fatto di concentrazione intellettuale toccando suoni minimali dal gusto post rock che si affacciano alle produzioni math di stampo americano e costruiscono un’architettura capace di creare diverse sovrapposizioni artistiche che non sono di certo classificabili, ma che sono e che fanno da base per canzoni identitarie e che vivono di vita prova, tanta è l’eterogeneità artistica, tanta è l’originalità espressa in questo disco che alterna il cantato allo strumentale in contesti asettici pronti ad esplodere grazie ad un’energia vitale che fa da connubio ideale ad una ricerca stilistica che non si ferma alle apparenze, ma che piuttosto trova il proprio punto di sfogo nell’esigenza di dare un senso ad un qualcosa di mai sentito attraverso il vocoder, attraverso il sintetizzato ad arte, per una soddisfazione che coglie lo sperato non solo nell’immediato, ma anche nella complessità del futuro che abbiamo davanti.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.