Softone – Tears of lava (Cabezon records)

http://www.cabezonrecords.com/wp-content/uploads/2013/10/1381148_10202206070854354_544654607_n-195x186.jpgSoftone è sinonimo di grazia avvolgente.

Calda coperta desertica che mescola i migliori fratelli Gallagher con un rock slide e fuzz che ricopre esigenze mistiche di ritrovare la propria strada lungo un sentiero dove la siccità avanza inesorabile a creare un senso di tepore quasi marginale al suono che genera.

Un’improvvisa alba che si snoda dolcemente tra le sagome delle montagne e attende viaggiatori incompresi verso mete infinite.

Le sei tracce corrono tra strade impervie, dando un significato al percorso che per il gruppo partenopeo, alla sua seconda prova, è sinonimo di rigenerazione da un punto di vista strutturale di impianto e di prestigio calcolato.

Ogni nota di canzone è preziosa quanto acqua che cade avvolgendo i ricordi di malinconia e nostalgia.

Si ascoltano echi primordiali di Verve passando per Stone Temple Pilots, Stereophonics e lungo le sei tracce l’ascoltatore è portato ad immergersi in toto nel concetto  trasmesso.

Una strada sempre precisa da seguire che si apre in magnificenza nella bellissima traccia numero tre “Somewhere over” e nel finale di ” Ray of Light” di Lynchiana memoria.

Bisogna dire che anche stavolta Cabezon Records valorizza talenti spaziando di genere in genere, costruendo fitte trame di luce in un periodo così tanto buio.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.