Giorgio Stammati – La festa patronale (Autoproduzione)

stammati a0055328933_16

Canzoni urbane e patronali di una realtà di provincia che ingloba tessuti sociali e non crea, ma piuttosto distrugge tra legami di un tempo andato e quel solitario ripetersi in apnea di forme decolorate di vita, solitudini introspettive di un animo umano che tendono a riempire i vuoti con il volere rincorrere a forza consuetudini inglobate dalla voracità del tempo. Giorgio Stammati crea un quadro di vita attraverso sei canzoni cantautorali del tutto personali e cariche di quell’aspetto retrò capace di custodire i segreti dei giorni migliori, testi sobri e in parte diretti amplificano i contrasti con suoni schietti e in divenire ad aperture sonore che vedono una voce in primo piano parlare di questi giorni, dei nostri giorni. Dalla traccia d’apertura Il pomeriggio fino a toccare apici con pezzi come Il guardaspiaggia o la title track per passare al finale intenso di Non abbiamo le scarpe adatte  il nostro persegue il bisogno di ribadire un concetto a segnare l’impresa. La festa patronale è un album per chi ha creduto nelle illusioni della vita e si ritrova, ormai cresciuto, a guardare, quasi senza speranza, quella giostra chiamata realtà che segna il nostro divenire.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.