Drive me dead – Who’s the monster? (Autoproduzione)

L'immagine può contenere: 1 persona

Potenza incontrollata gettata nella nostra società malata a raccontare e a raccontarsi, a parlare di mondi in decomposizione che sono così talmente vicini a noi da essere osservati in modo indelebile e minuzioso. I Drive me dead si lasciano affascinare per la copertina dai disegni di Sergio Gerasi, illustratore anche per Dylan Dog, un’immagine esplicativa capace di consegnare in primis all’ascoltatore un senso di non ritorno percepito e divincolato a dovere, sudato e in un certo qual modo in destrutturazione più totale. Dal punto di vista musicale i nostri sono un concentrato di rock’n’roll sporcato dal punk più sincero che si confonde e in fonde speranze in pezzi come l’apertura Freak, Lemmy’s ghost, Zombies don’t run o la finale decisiva Summer of ’69. Who’s the monster? è un album che si domanda e si pone delle questioni, sono dieci pezzi che ti arrivano dentro al cervello, ti sciolgono contorcendo le budella, privando l’organismo ospitante di qualsivoglia bisogno di inutilità, centrando appieno una questione, parlando a cuore aperto, interagendo con un pubblico attento e consegnando una manciata di brani dal sapore internazionale e maturo in un’idea di sodalizio appagante e davvero ben confezionato. Bravi!

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.