Palkosceniko al neon – Radice di due (Autoproduzione)

Assordanti dissonanze che si intersecano con il nostro animo umano a recepire i sottili legami che tengono unite le persone con l’intento di gridare al mondo un proprio modo di essere denunciando abusi e soprusi di una società che ci sta stretta, immagazzinando la prova del tempo e concentrando un rumore di fondo che ben si amalgama con una prova variegata e soprattutto che trova nella forma testuale l’apice nell’inseguire un concetto che si evince da un risultato che colpisce allo stomaco e comprende, ingloba e metaforicamente uccide qualsivoglia ordine precostituito donando ad un rock viscerale i contagi di un hardcore e di un crossover che intersecano a tratti nomi come Teatro degli orrori ed Elettrofandango, scolpendo generosamente canzoni che acquisiscono una propria apertura già con l’iniziale e audace Re nudo fino alla ballata psycho country, lasciata al finale, Sorella minore, passando con rabbia repressa in Tempi moderni, Radice di due e Otto ore, in una contesa rivoluzionaria che non da tregua, ma che piuttosto scava un posto d’onore nelle sotterranee produzioni di genere.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.