Her Skin – Find a place to sleep (Autoproduzione)

Dolcezze pop virate sul folk d’autore ad impreziosire gli ambienti di una calma apparente che culla, trasporta e rassicura dando vitalità e forza ad una proposta che diventa perla rara da trovare, comprendere e attraversare tra magie arpeggiate e volontà di esprimere la propria idea di libertà. Poche parole per raccontare questo disco, un album trasformato in  piccola bomboniera di sogni e delicatezza misurata, un insieme di ricordi scritti nel diario di Her Skin, all’anagrafe Sara Ammendolia, un insieme di canzoni che sono e si fanno senso necessario per le avventure sonore qui raccontate e che trovano il massimo splendore in un omogeneo quadro d’insieme che raccoglie dieci acquarelli agrodolci che narrano di questo e altri mondi, di prospettive e di possibilità da cogliere. Da Prickly Pear fino a A Demain passando per pezzi chiave come Nameless Morning, Sink Into You ad infrangere il tempo fino al compimento di un’età adulta che trova nelle divagazioni e nella sostanza, nella tanta sostanza, il proprio senso di abbandono e rivincita a dimostrare una vitalità interiore che nella pacata quiete della sera trova al proprio interno grosse e chiare scintille di luce.


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Folk, Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.