124C41+ – ODE (Autoproduzione)

L'immagine può contenere: notte e spazio all'aperto

Viaggio dentro l’animo umano attraverso composizioni viscerali che ambiscono ad un collasso maniacale di forme e colori che lambiscono territori inesplorati e si identificano in suoni non interrotti, ma piuttosto protratti in un tempo, questo tempo. Venticinque minuti scarsi di abbandono e solitudine che intrecciano ambientazioni poetiche e lirismo d’avanguardia che lascia allo scoperto i nostri punti nevralgici e porta a casa un prova che esce dagli schemi e non si sottopone al piacere della massa, ma piuttosto trova una convincente esasperazione proprio nel momento in cui i suoni culminano in dissolvenza e anticipano i nostri sentimenti, lasciando posto al vuoto e creando un interesse per la strutturazione da ascoltare tutta d’un fiato per un disco che rappresenta il solitario errare umano nelle nubi della ragione e nelle apparizioni oniriche che ci appartengono in modo mutevole e cangiante.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Avanguardie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.