Mictlàan – Me Vs. Myself (Panidea)

Viaggi all’interno di substrati neuronali capaci di confondere e diffondere suoni a profusione in grado di attraversare corpi inermi e conciliare bisogni di integrazione e bisogni di affondare le proprie radici in qualcosa di arcano, di lontano, di magnifico, un qualcosa che non dorme mai. Il disco di Mictlàn è interamente composto utilizzando la voce. La voce che veicola avventura, introspezioni della propria anima, intensificazione in divenire che esplode nel buio e non lascia spazio alle mezze misure. Un Demetrio Stratos moderno che scava e cerca, non interrompe il proprio modo di rimanere e di vivere  il mondo, ma piuttosto fa dell’avanguardia in musica un’arte che si fa ricerca, un’arte mai compressa e banale, ma piuttosto punto di contatto con un qualcosa che ha del spirituale. Otto tracce per altrettanti mondi in un sodalizio unico con la scoperta che attraverso la voce stupisce, consola, ama.


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Avanguardie e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.