Aléxein Mégas – The white bird (Autoproduzione)

Risultati immagini per Aléxein Mégas - The white bird

Uccelli in gabbia pronti ad esplodere e ad uscire di nuovo per assaporare il colore del vento e quel senso comune di volo necessario per apprezzare al meglio il nostro interno, il nostro intorno. Gabbie della vita moderna quindi da percepire, intravedere e gettare in aria grazie a sonorità che si trasformano e passano da un’elettronica ad una musica orchestrale per una colonna sonora immaginaria ad intensificare i rapporti, ad intensificare quel tratto di strada che possiamo chiamare ancora vita. The white bird è un concept album che racconta intrinsecamente di un bisogno importante di libertà, lontano dai preconcetti, ma vicino a quel senso profondo che ci portiamo dentro e che risiede lontano dal chiacchiericcio moderno incanalandosi nei gesti interiori dei nostri giorni. Da I’m a shadow fino a Rays of a warm sunset il nostro Aléxein Mégas trasforma l’elettronica strumentale in qualcosa di corporeo e ben strutturato, in quel qualcosa che si trasforma ad ogni nostro battito d’ali. 


 

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Avanguardie, Elettronica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*