We are waves – Promixes (MeatBeat Records)

single-image

Non è un disco remix, questo è un disco risuonato da capo, dove la coda diviene spaventoso e ipnotico inizio e dove le canzoni si fanno lasciapassare verso mondi che intercedono e non classificano, mondi che tendono a recuperare il tempo perduto, anche se qui il tempo riprende forma e sostanza e si caratterizza per lasciare spazio a versioni che marcano la loro importanza nella forma canzone precedentemente accolta, qui ancora scoperta e non più fragile, ma martellante sonorità cupa, martellante compressione di sogni inesauribili per un EP che abbandona i ricordi e abbonda, affondando le promesse in tetri antri fatti di pioggia e solitudine esistenziale, abbandono e declino; ricercata forma di poesia applicata all’era moderna.

Chi preferisce il primo chi questa rovesciata mescolanza di suoni quasi live, sta di fatto che il carattere della band è ben marcato e se si permettono il lusso di accedere a questa forma di promozione, il materiale proposto è materiale scottante, portante nuova luce.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.