Venus in furs – Carnival (Phonarchia)

Roboanti e menefreghisti, ma che sanno raccontare senza peli sulla lingua di circostanze astrali che rimandano alla vita di tutti i giorni, forse ci viene da associarli ai Ministri o agli Zen Circus dopo un primo ascolto anche se qui sparisce la spontaneità velleitaria atta a raggiungere un punk trascinante in quanto i Venus in furs intascano, da subito, una prova matura e costruttiva priva di orpelli inutili e diretta al nocciolo della questione, parafrasando egregiamente i vissuti di ogni giorno e trascinando con spirito unico undici tracce in bianco e nero tra distorsioni volute e testi sempre abrasivi.

I nostri parlano di noi e di quello che ci gira attorno, lo fanno prendendo sempre delle posizioni nette, spiegazioni per l’occasione accompagnate da una voce più incisiva che mai, merito del tempo, certo, merito anche della maturazione che non teme di calcare i grandi palchi senza far da spalla a nessuno.

Un disco da ascoltare tutto d’un fiato, con canzoni che ci accompagneranno ancora per un bel po’, a segnare quel cammino di solitudine e rabbia incastonato perennemente in una foto d’altri tempi e soprattutto con il coraggio d’altri tempi.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.