Using Bridge – Floatin’ Pieces (Autoproduzione)

Potenza di fuoco incontrollata cavalcata e sormontata da una voce graffiante in un rock che ammicca al grunge degli esordi dove la scena di Seattle dettava legge e aspirava ad entrare nell’Olimpo delle grandi cose. Gli Using Bridge arrivano alla quarta produzione dopo quindici anni d’attività apprendendo la lezione del tempo, soprattutto di quei primi ’90 dove un certo Eddie Vedder cantava di malinconie e disagio esistenziale con una voce che non ci saremo mai più dimenticati, cantava con i suoi Pearl Jam il dolore di una generazione e qui, in parte, quel dolore esplode ancora grazie ai pezzi impattanti della band romagnola che sa dosare la forza e nel contempo ha il giusto grado di maturità per comprendere il cammino svolto fino ad ora. Le canzoni si sciolgono granitiche e convincono, seppur nel già sentito, grazie ad un’emblematica visione di fondo che ci proietta ancora nel passato, per comprendere, capire e carpire i segreti celati in tutta questa magnificenza. Da Amigdala fino a God Knows  i nostri intascano una robustezza capace di scardinare le regole precostituite rispolverando ciò che è stato in precisione assorta, robusta e a tratti malinconica con occhi attenti e vigili protesi al futuro.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre…anche se qui ci si mette il cuore.
Recensiamo i Vostri Lavori.
Ascoltiamo tutto tranne ska, reggae, hip hop metal e derivati.
Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno.
Cerchiamo di recensire tutti i lavori che ci arrivano.
*** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTO con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento.
Contatti [email protected]
RECENSIAMO SOLO MATERIALE FISICO. L’indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.

Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.