theNEMO – Dagli Snap! Al Crack (Discipline)

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Dal cantautorato tradizionale fino agli abissi raggiungibili dell’elettronica moderna dove il passato e il presente si fondono tra organismi in evoluzione e sostanza da consegnare al tempo che verrà in una piccola prova d’esordio che racchiude al proprio interno un intrinseco bisogno di comunicare esperienze di vita e istantanee futuribili di nuove ricerche sonore ben delineate già nella traccia d’apertura Lavorare di notte dove le chitarre in distorsione si sposano bene con l’elettronica dei sintetizzatori che pian piano si mescolano e destrutturano un ambiente che lascia posto a brani che chiudono il cerchio da Mi ricordo fino a Grazie lo stesso passando per Teca, quasi a voler imbrigliare, in un solo attimo, la bellezza iridescente di una musica colorata e intima da preservare nell’istante e nei ricordi migliori, dove le luci delle auto di notte ci fanno, forse, sembrare un po’ più vivi di quello che siamo e dove una natura oscura ci sa prendere per mano verso l’ignoto in evoluzione.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock, Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.