The Shoplifters – Junkie Business (LaClinicaDischi)

Tuffarsi con pieno diritto negli anni’70 e autotrasportarsi con una DeLorean ai giorni nostri, intascando la prova del tempo per esplodere di energia e sudore con la musica di Rolling stones, Smiths, i più moderni Strokes passando per Clash e Stooges in un vortice che sa di polvere e stivali che calcano i palchi del mondo, tra un sapore di un tempo passato e il bisogno di definirsi in un periodo di vita che deva ancora concludersi, tra i soliti ritornelli che il rock è morto e un esigenza che si fa accoppiata vincente nel rendere l’immediatezza e l’appeal ancora di tendenza per costruire e costruirsi in un ep veloce di quattro pezzi che parte con Life is so Cynical passando per Nothing in common, I know you’re somewhere e finendo con I’m not scared to die.

Pezzi veloci e sentiti, pezzi che non lasciano scampo e fanno miracoli nella loro orecchiabilità, dando un senso maggiore al riportare in auge un genere che sembrava morto, ma che ancora può vivere grazie alle speranze dei The Shoplifters.

 

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.