-LIBRI ILLUSTRATI- Chiara Lorenzoni/Giulia Conoscenti – La distanza dei pesci (Uovonero)

Titolo: La distanza dei pesci

Autori: Chiara Lorenzoni/Giulia Conoscenti

Casa Editrice: Uovonero

Caratteristiche: pag. 48, 28×24,5 cm., cartonato

Prezzo: 16 €

ISBN: 9788896918777

 

Attraversare lo spazio per come lo conosciamo. Oltrepassare i canoni imposti dalla società per cercare forme in divenire, nuove visioni, nuovi punti di vista. Immergersi, allontanarsi, ritornare. Associare il mondo ai colori. Confini netti. Definiti. Dove esiste un ordine. Dove esistono determinate regole. Tutto all’interno di una soggettività sospinta, mai dichiarata, ma interiorizzata. Le sfumature come specchio dell’anima. La tavolozza del nostro io nel mare calmo della vita.

Chiara Lorenzoni e Giulia Conoscenti raccontano una piccola avventura in mare. La storia di Marco, Giulio e del loro nonno. Raccontano di una barca gialla e di un bambino autistico immerso in un mondo marino ricco di pesci e strane creature. Un mondo da scoprire attraverso occhi diversi. Attraverso elementi figurativi che non delineano, ma piuttosto lasciano all’interpretazione il significato da veicolare. Un salto in mare. Un porto sicuro nelle profondità acquatiche. Emozioni associate a colori, il resto solo poesia.

Uovonero stupisce grazie ad un libro fresco, profondo e incantato. Entrare in La distanza dei pesci è come entrare nella mente di Marco, il protagonista. Un tuffo salato nella realtà raccontata. Un mare a far da scena e il necessario sviluppo dell’azione porta lo stesso lettore a catapultarsi in un ambiente da scoprire. Un ambiente fantastico che diventa visione e innalza l’asticella al cielo quando si tratta di veicolare messaggi, significati, nuovi elementi da percepire e fare nostri.

La storia di Marco, Giulio, del nonno, della barca gialla riesce a creare una meraviglia perpetua. Una giostra di emozioni e di sensazioni. Una giostra di colori. Dove il mare è la rappresentazione di questa vita. Non migliore o peggiore di altre, semplicemente diversa. Un luogo racchiuso in una conchiglia. Veicolo di un pensiero inespresso. Un gesto soltanto. L’alzare quella stessa conchiglia. Provare a guardarsi negli occhi e chiedere all’altro di condividere lo stesso mare.


Per info e per acquistare il libro:

http://www.uovonero.com/catalogo/i-geodi/1176-la-distanza-dei-pesci?fbclid=IwAR1tad7ANAWKv2UqNoapfa6VEeG5Q-U1KEKqX4bFc_LDOD7vxvi_r0qwcz4

-LIBRI ILLUSTRATI- Maria Teresa Andruetto/Martina Trach – Clara e l’uomo alla finestra (Uovonero)

Titolo: Clara e l’uomo alla finestra

Autori: Maria Teresa Andruetto/Martina Trach

Casa Editrice: Uovonero

Caratteristiche: pag. 48, 18×30 cm., cartonato

Prezzo: 16 €

ISBN: 9788896918845

Scelte di vita incontrastate, scelte di vita che si espongono oltre, escono dall’uscio di casa assecondando pensieri in divenire, forme di libertà da ricercare con la forza e con il coraggio. Un incontro, uno scambio, una visione di realtà capace di fondersi nelle pagine di un libro che parla di libri, di amore per la vita e di quell’immenso patrimonio che ci portiamo dentro non sempre fatto ad uso e consumo proprio, ma soprattutto creato per essere donato.

Clara e l’uomo alla finestra è un racconto Bellissimo. Si proprio con la B maiuscola. Una narrazione solare, estiva che fa dell’incontro un punto necessario e fondamentale per scoprire l’altro, valorizzando il gesto, il momento, la consuetudine che viene distrutta per lasciare posto alla vita, quella vera. Il racconto edito da Uovonero parla di Clara, di una bambina che conosce un uomo. Un uomo solitario, una persona amante dei libri, ma che non riesce ad uscire di casa, ha paura della luce, ha paura di mostrarsi per quello che è.

Realizzato dalla coppia Maria Teresa Andruetto e Martina Trach questo illustrato commovente e delicato è una somma di piccole cose che lascia spazio a illustrazioni davvero notevoli a mescolare tecniche in sfondi che ammaliano per risultato e forza interiore nell’esprimere emozioni in crescendo, emozioni che coinvolgono il lettore pagina dopo pagina. Sensazioni che aprono la porta di casa al nuovo, lasciando oltrepassare quei raggi di sole e quel profumo di freschezza, sfiorando temi importanti come quello dell’omosessualità e dell’abbandono.

Uovonero porta in Italia una perla preziosa del panorama dell’illustrazione internazionale. Un libro unico che con dolcezza disarmante riesce a parlare di coraggio e di visioni sempre nuove da donare alla vita. Immagini calde a avvolgenti fanno della narrazione un punto di contatto con la parte più intima di noi. Una bambina, il suo mondo e l’innocenza ad inglobare nuove realtà, nuove persone, in una malinconica visione pastello acceso di una polaroid aperta al mondo intero.


Per info e per acquistare il libro:

http://www.uovonero.com/catalogo/i-geodi/989-clara-e-l-uomo-alla-finestra

 

 

– LIBRI ILLUSTRATI- Mal Peet/Emma Shoard – Il nostro albero (Uovonero)

Risultati immagini per il nostro albero uovoneroTitolo: Il nostro albero

Autori: Mal Peet/Emma Shoard

Casa Editrice: Uovonero

Caratteristiche: pag. 90, 16×24, Cartonato

Prezzo: 15 €

ISBN: 9788896918791

 

Rami che intessono ambienti in simultanea con ciò che ci circonda, in simultanea con la vita che ci appartiene. Le foglie appese poi a fare da corona per intrappolare i giorni che scorrono alla velocità della luce e si fanno tristezza, si fanno gioia, si fanno vita. Il nostro albero è una casa all’ultimo piano legata a ciò che ci portiamo dentro. Il nostro albero è una storia di una famiglia, la storia di un bambino che vive in simbiosi con una casa fatta di assi di legno, costruita dal padre come riparo sicuro, un nido dove nascondere ricordi, un nido di memoria e d’amore racchiuso e celato per sempre.

Uovonero pubblica in Italia un racconto che affonda le proprie radici in una realtà che divora e in qualche modo fa male. Il libro di Mal Peet non ha paura di parlare al cuore della gente toccando argomenti delicati pur entrando in maniera sottile all’interno di un universo costruito per narrare la vicenda di una mamma e di un papà che decidono di separarsi. Una vicenda che ingloba profondamente la depressione di un padre immobile alla velocità di questa realtà. Una vicenda che ingloba i tradimenti di una moglie poco incline a comprendere i cambiamenti di una vita intera. In mezzo a tutto questo un bambino che assorbe le onde della quotidianità senza avere gli strumenti necessari per interpretarle.

Mal Peet, autore di rara intensità, grazie alle illustrazioni liquide e senza tempo di Emma Shoard, riesce nell’intento di trasformare e dare profondità ad una storia in grado di mescolare natura e rapporti umani. Un racconto che si lascia trasportare dalle emozioni e concede vividi momenti di introspezione simultanea mescolata ad arte e pronta a stupire pagina su pagina. Una narrazione davvero mai scontata che racchiude il senso dei legami famigliari all’interno di pagine che avvolgono e consolano.

Il nostro albero è bellezza celata all’interno di una piccola casa in legno. Un testo che in punta di piedi racconta le difficoltà delle relazioni intrappolate nell’incedere e con dolcezza accompagna il lettore verso una conoscenza che nella tragicità del momento incorpora ricordi e speranze, momenti che come soffio di vento si posano su rami gentili in attesa di una nuova stagione, forse migliore.

Per info e per acquistare il libro:  

http://www.uovonero.com/catalogo/i-geodi/931-il-nostro-albero

 

 

-LIBRI ILLUSTRATI- Pam Smy – Thornhill (Uovonero)

Titolo: Thornhill

Autori: Pam Smy

Casa Editrice: Uovonero

Caratteristiche: pag. 538, 15×21, Cartonato

Prezzo: 18,50 €

ISBN: 9788896918531

 

Sei mai entrato in una casa stregata? Hai mai visto dalla finestra di quella casa, proprio quella casa una luce dissolversi con la nebbia della notte? Sei proprio sicuro che quella casa sia infestata dai fantasmi o da qualche mostro maligno? Ne sei proprio sicuro?Andiamo a vedere inseme.

Addentrarsi nell’oscurità è una cosa che a Indiepercui piace fare quotidianamente, capire le circostanze, i sogni infranti, le bellezze nascoste, il buio come arma per sconfiggere la notte, il buio di luce, il buio che vede. Camminare dopo i confini imposti è capacità intrinseca di vedere oltre e di farsi carico di un mondo che non gira come dovrebbe, Thornhill ne è l’esemplificazione, è l’emarginazione nascosta è il riscoprire ciò che in profondità ci attanaglia e che vorremmo però non fosse dimenticato facilmente, almeno per ora.

Il libro che mi ritrovo a sfogliare e a leggere è un’opera davvero grandiosa sotto molteplici punti di vista, lo capisci dallo spessore delle pagine, dall’importanza delle illustrazioni capaci queste di raccontare una storia e nel contempo attraverso le immagini far comprendere la vicenda narrata un po’ come ci aveva abituati Brian Selznick nel suo Hugo Cabret o ne La stanza delle meraviglie, un diario di vita inframmezzato dal tempo, quello stesso tempo che sembra essersi fermato, ma che si muove singolarmente attraverso due date il 1982 e 2017. Due anni diversi quindi, ma anche due protagoniste diverse Mary e Ella. La vicenda della prima viene raccontata attraverso gli scritti del suo diario un racconto che vede Mary intrappolata in un orfanotrofio e vittima di ingiustizie e soprusi, un orfanotrofio che diventerà il suo mondo, un mondo in cui rifugiarsi e nascondersi, Mary protagonista, protagonista vittima della violenza di compagne vicine alla sua solitudine. Ella invece vive ai giorni nostri, le bellissime illustrazioni parlano proprio di lei, abita davanti a quell’orfanotrofio ora in rovina, la mamma è morta, il papà è sempre fuori per lavoro. Ella vive per certi versi una solitudine simile a quella di Mary, una solitudine che sarà da veicolo, da tramite per l’intreccio delle due storie.

Thornhill diciamocelo non è un semplice libro, Thornhill è potenza visionaria e atmosferica, vengono uniti linguaggi e scene in un qualcosa che sembra mescolare il sogno con la realtà. In verità questa è la storia di due bambine raccolte nel momento più fragile della vita, quando la costruzione di una propria interiorità si specchia con lo stare al mondo e con le prime difficoltà di un’esistenza al limite, dove le mancanze si fanno proiezione nei comportamenti quotidiani e dove il comunicare un disagio non sempre sembra essere cosa facile.

Uovonero fa conoscere in Italia questo capolavoro illustrato per un pubblico non troppo giovane, una storia di amicizia e segreti, di libertà repressa e di sostegno, di luce da riscoprire proprio da quella finestra che assomiglia un po’ alla vita, la finestra di quella casa stregata che poi stregata proprio non è, anzi in quella abitazione ci vivono soltanto due bambine che vogliono diventare grandi e si riscoprono uguali nel momento più tragico del loro venire al mondo.

Per info e per acquistare il libro:

http://www.uovonero.com/catalogo/i-geodi/558-thornhill 


-LIBRI ILLUSTRATI- Mirco Zilio/Giacomo Agnello Modica – A piede libero (Uovonero)

Titolo: A piede libero

Autori: Mirco Zilio/Giacomo Agnello Modica

Casa Editrice: Uovonero

Caratteristiche: pag. 32, colori.

Prezzo: 15,00 €

ISBN: 9788896918494

 

 

Il viaggio identitario e surreale intrapreso per conoscere il mondo attraverso gli occhi di un bambino? No attraverso i primi piani e le inquadrature di un piede. Si avete capito bene A piede libero è un illustrato che racconta le vicende magrittiane di un piede sinistro che decide di abbandonare il proprio simile, il piede destro e dedicarsi alla scoperta del globo seguendo l’istinto, seguendo il suo essere, se di essere possiamo parlare, partecipando a quel qualcosa che chiamiamo vita in solitaria, progredendo, inciampando, ma soprattutto crescendo attraverso le esperienze.

Il libro edito da Uovonero racconta una straordinaria vicenda che coinvolge la parte più estrema del nostro corpo, un’avventura fantasiosa e a tratti onirica inglobante e portatrice di messaggi universali legati ora più che mai all’attualità, in maniera però velata, sottile, delicata, dove ciò che riteniamo reale si materializza attraverso le coperte del nostro io parlando ai bambini e nel contempo agli adulti con frasi semplici, ma riflesse nella vita di tutti i giorni. Un racconto capace di incamerare un desiderio di libertà profonda pronto a spiccare il volo fin dalle prime pagine in una consequenzialità degli eventi irrefrenabile e di per sé anche un po’ magica.

A piede libero parla il linguaggio del nostro corpo e delle nostre scelte, racconta di emancipazione e sfida, parla di due mondi opposti che inevitabilmente devono decidere da che parte stare, decidere quali sogni inseguire ed è proprio qui dal sogno che l’intera opera prende spunto per dare vita ad un racconto di formazione scritto da Mirco Zilio, proveniente dal mondo del fumetto e disegnato da Giacomo Agnello Modica, giovanissimo illustratore; una coppia davvero eccezionale nel rendere appieno i significati del volume stesso attraverso stili e contemporaneità uniche.

Il risultato finale sono pagine che si fanno ricordare per originalità e capacità di osare sottolineando l’importanza delle scelte individuali e delle barriere da abbattere per ritrovare una soggettività che appartiene a tutti e che proprio in questo libro si racconta e ci fa comprendere come le infinite possibilità sono da base essenziale per levare l’ancora della diversità e calare il proprio pensiero oltre forme precostituite. Un’ottica di condivisione quindi e anche di speranza dove il sentirsi leggeri è meta di un cammino che ripagherà solo coloro che decideranno di partire.

Per info e per acquistare il libro:

http://www.uovonero.com/s/index.php?option=com_content&view=article&id=554:a-piede-libero&catid=35:i-geodi&Itemid=53

 

-LIBRI ILLUSTRATI- Roberta Angeletti – Chi se la fila? (Uovonero)

chiselafila_cover_ok

Titolo: Chi se la fila?

Autori: Roberta Angeletti

Casa Editrice: Uovonero

Caratteristiche: pag. 28, 28×24,5 cm.

Prezzo: 15,00 €

ISBN: 9788896918326

Vivere è una corsa vorticosa tra le stanze della nostra anima, dove tutti portano con sé un ruolo predefinito e ordinato, a seconda delle età, un ordine però che in poco tempo è in grado di destabilizzarsi proprio quando i rapporti tra le persone moltiplicano, quando la gente si incontra e si scontra e inesorabile continua a correre cercando di assaggiare quell’idea di vita che come alito di vento accarezza e non lascia fuggire anzi è essa stessa moto perpetuo che ci rende partecipi di un qualcosa di più grande, da sperimentare giorno dopo giorno.

Sono i legami quelli che valgono, sono i fili rossi che ci collegano l’uno all’altro, ma se tutti continuiamo a correre senza mai fermarci quale sarà la nostra possibilità di incontrarci e poter sperimentare e dimostrare l’amore che portiamo con noi? Questo è un libro raffinato perché sui più piani di lettura proposti si parla di fragilità nei rapporti, della fatica esistente e necessaria per rincorrersi, parlare, spiegarsi e poi ritrovare ciò che abbiamo perduto o lasciato lontano. Noi tutti corriamo giorno dopo giorno senza dare un significato a ciò che ci portiamo dentro, valorizzando piuttosto la concezione materiale del tutto e tralasciando sentimenti ed emozioni intese come unico motore in grado di farci esistere.

Emozioni e sentimenti si respirano in questa ottima prova edita da Uovonero, una piccola opera cartonata illustrata da Roberta Angeletti, un silent book, un libro senza parole che ci accompagna nella meraviglia di immagini a matita di grande formato, capaci di riempire l’intera pagina e narrando, con bellissimi colori, la vicenda concatenata di una nonna che fila un maglione, il filo che collega quindi tutte le vicende presenti nell’intera storia, un maglione da donare che innescherà una serie di peripezie capaci di far sorridere i bambini di ogni età, ma che saranno anche in grado di consegnare al lettore uno sguardo attento sul nostro mondo domestico, sul mondo che ci appartiene.

Silenzioso quindi e nel contempo leggero Chi se la fila? ci racconta da vicino e sa scavare in profondità analizzando la realtà che ci circonda, lo fa con occhio lucido, lo fa con ironia senza tralasciare il bisogno di farsi comprendere e attraverso la moltitudine di colori presenti sa innescare un vortice di esigenze che sono l’esemplificazione della vita moderna: si corre senza chiedersi perché, si corre pensando di far felici gli altri, ma nel profondo, quello che conta è forse fermarsi, guardare con gli occhi, ascoltare con il cuore.

Per info e per acquistare il libro:

http://www.uovonero.com/s/index.php?option=com_content&view=article&id=543:chi-se-la-fila&catid=35:i-geodi&Itemid=53

-FUMETTO- Garrincha/L’angelo dalle gambe storte – Antonio Ferrara (Uovonero Edizioni)

Titolo: Garrincha – L’angelo dalle gambe storte

Autori: Antonio Ferrara

Casa Editrice: Uovonero Edizioni

Caratteristiche: Brossura, 16,5×24, 120 pp.

Prezzo: 15 €

ISBN: 9788896918388

Sapeva dribblare, sapeva fare assist, riusciva a ristabilire equilibri portentosi ed era in primis amato dal suo Brasile, avvolgendo di stati emozionali l’intero pubblico che assisteva alle sue partite, un calciatore in grado di confezionare prove strabilianti e soprattutto capace di essere umano, di quell’umanità che si infrange al suolo e crea una comunione d’intenti con chi ha sofferto ed è risorto, ma che ha mantenuto un continuo approccio umile verso chi lo circonda, un’esigenza che diventa comunione tra passato e presente, mantenendo una componente ludica essenziale e vitale, unico riferimento epocale per una classe che non chiede, ma dona.

Questo era Garrincha, ma Garrincha era anche quel giocatore che, a parere dei medici, non sarebbe mai potuto diventare un calciatore in quanto soffriva di strabismo, aveva la spina dorsale deformata, uno sbilanciamento del bacino e sei centimetri di differenza in lunghezza tra le gambe, un uomo che viveva d’istinto e forte della sua passione concedeva il suo tempo ad unico scopo: far si che la partita fosse un’occasione, non solo per dimostrare le sue capacità, ma era essa stessa prova per dare un senso alla propria vita.

In questo essenziale fumetto di Antonio Ferrara, già Premio Andersen nel 2012 come autore di Ero cattivo e nel 2015 come illustratore del libro Io sono così, la vita di Garrincha scorre quasi come una biografia, ma da un certo punto in poi la narrazione diventa secondaria, concentrandosi soprattutto sul senso profondo e sul messaggio da comunicare, l’essere diversi ti permette di creare delle cose fantastiche e la finalità unitaria del nostro essere prende il sopravvento in una soggettività che ci rende unici a dispetto dei pareri altrui; noi sola forza di conquista, noi esseri capaci di meraviglie in una cooperazione, ecco il gioco di squadra, che può segnare il nostro presente e il nostro futuro.

Testi che mirano all’essenza e disegni simbolo tante volte lasciati all’interpretazione, dipingono Garrincha come una squadra, un’insieme di possibilità e larghe vedute, costituite da un unico soggetto, bonario e audace, coronato da una vita piena di peripezie amorose e figli geograficamente lontani, una vita iniziata tra il lavoro e la fame e finita miseramente tra l’alcol e gli stenti, una vita però che ha avuto senso di essere vissuta, quella vita bella e memorabile quasi come un’avventura, fatta per essere assaporata nella sua eterna generosità.

Ora che il passero Garrincha, ha smesso di volare, noi lo ricorderemo come pioniere dell’integrazione nella diversità, frutto di una valorizzazione che deve continuare ad esserci per dare una seconda possibilità alle generazioni che verranno; tra passato e presente questo fumetto crea ponti di opportunità e non smette di farci volare, sognando ancora un mondo diverso, migliore.

Il fumetto si può acquistare direttamente qui:

http://www.uovonero.com/s/