Stefano Lentini – Fury (Coloora Records)

Risultati immagini per stefano lentini fury

Disco orchestrale impattante nell’era moderna che ricorda per certi versi un tuffo nel mare più profondo che ci portiamo dentro, accarezzando a dismisura suoni e sapori che sembrano provenire da un’altra realtà, da un’altra galassia. Il compositore romano Stefano Lentini, già noto per gli apporti e le collaborazioni nel cinema, ricordiamo la partecipazione in The Grandmaster di Wong Kar-Wai, La porta rossa di Carmine Elia e Braccialetti rossi di Giacomo Campiotti, apre a dismisura il caleidoscopio di colori a sua disposizione per proiettare il classico nell’era moderna, pur non facendo distinzioni, ma piuttosto valorizzando al meglio la dicotomia luce e ombra che persegue il filo del risveglio, il filo della lontananza e della ricerca. Fury è un viaggio incalzante, di quiete e di tempesta, un viaggio alieno attraverso questi nostri territori deformati. Un passaggio di vita dove il magma del sottostare alla realtà rivela una crepa, proprio nel punto preciso in cui si apre, come voragine, il bisogno di ritrovare uno spiraglio per respirare ancora. 


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Avanguardie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.