My Speaking shoes – Siamo mai stati (Autoproduzione)

Si cimentano con il cantato in italiano e stupiscono.

Stupisce soprattutto quella voce, la voce di Camilla Andreani che abilmente commistiona un cantato rock al bel canto italiano, che con aggressività arriva a comporre melodie alla Natasha Khan su strutture dei primi Smashing Pumpkins di Siamese dream.

Il tutto poi si evolve toccando vertici hardcore con punte di new metal che strizzano l’occhio al noise rock d’annata e il punk più elettrizzante.

Le canzoni convincono, sia dal punto di vista linguistico sia perché generano una novità nel panorama della musica italiana avvicinandosi alla proposta, ma osando maggiormente, dei Sick Tamburo.

Tutto questo sono i My speaking shoes, gruppo di giovani di Sassuolo che rinfrescano per proposta e convinzione, relegando uno spazio a tutto ciò che è inutile e soppesando, da equilibristi sopraffini, tutte e 11 le tracce tra divagazioni sonore strumentali e non in cerca di costante ispirazione.

Un disco ricco di spunti e riflessioni, capace di renderci atti ad ascolti che vanno ben oltre il nostro sentire.

Prova in italiano superata direi e comunque gran prova davvero, che sovrasta per originalità e inquieto vivere capace di sfoderare, quando meno te lo aspetti, brani di questo livello.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a My Speaking shoes – Siamo mai stati (Autoproduzione)

  1. Pingback: Parlano de La “Concertini” | La "Concertini di Musica Brutta"