Simone Lo Porto – Un viaggio nel magico (VREC193)

Prendi la tua chitarra e vai oltre l’orizzonte conosciuto, gettati dalle scogliere e ammira il mare da lassù, senti l’acqua che scivola e abbandona i corpi ad asciugarsi al sole di una spiaggia oltre la vista, oltre qualsivoglia forma di conoscenza, viaggia e sii padrone di te stesso, la conoscenza è caparbietà di scoprire e il bisogno di non accontentarsi mai, il gusto per l’avventura intriso di significato e per l’occasione valorizzato da queste tracce, dalle canzoni di Simone Lo Porto eterno cantautore avventuriere che grazie a questo disco incrocia il mondo e lo trasporta in un luogo onirico e carico di suggestioni, di ricordi, di realtà mescolata alla finzione, tra Venezuela, Cile, Perù, Bolivia, Ecuador: l’America latina, i suoni, gli odori e le immagini colorate, cariche di vita e di sensazioni, da Il bacio del Colibrì, fino alla citazione La fine è il mio inizio come direbbe Terzani, il nostro intasca una prova che sa di world music e di profonda conoscenza nei confronti di un mondo complesso e emotivamente diversificato, ma accomunato dalla stessa sostanziale sete d’amore.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Folk, Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.