Silence, Exile & Cunning – On (Autoproduzione)

Stoner rock commistionato al folk, distorti stoppati e batteria in levare, attese che si fanno sentire e lunghi abbracci che ci fanno tornare a casa, questo debutto rinnova le speranze e si fa portatore di un suono ricco e calibrato, capace di smuovere e allo stesso tempo dare un segno di immediatezza comprensibile e orientativamente percepita.

Loro sono i SEC, si muovono tra Treviglio e Crema e fanno della loro musica un’unione invincibile di più generi, addomesticando facilmente le loro parti più introspettive fino a ridare un senso di energia al tutto che costringe l’ascoltatore a non staccare mai l’orecchio da quello che ascolta, entrando in una parte ben definita, ma elaborata, capace di voli pindarici e atterraggi lunari comprensivi.

Un disco che è aperto a numerose interpretazioni, un disco sull’odio, sul sesso, , sull’apertura nei confronti di un concetto e allo stesso tempo un disco sulla vita, fatta da innumerevoli contraccolpi, esigenze e speranze, un album fatto anche di ricordi e da ricordi; un significato che solo ognuno di noi può apertamente dare.

Split, split, split è canzone inno fino alla chiusura con Clip 22, 12 tracce dal sapore ’90 con occhio lungo al futuro che sta arrivando.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.