Silek – Undici (Autoproduzione)

Silek, “Undici”: la recensione

Nessuna parola è lasciata al caso nel disco di Silek, un progetto musicale stratificato e urbano quanto basta per parlare ad alta voce di amore, spazialità, vita vissuta alla ricerca continua di un posto nel mondo da occupare. Un assetto quindi principalmente rap contaminato dall’elettronica, dal rock, dal jazz un progetto impattante che dona senso preponderante alle cose che ci circondano. Undici è la ricerca della rima che diventa impronta sociale e diventa cultura da espatriare raccontando di una società malata e distanziandosi dal mondo intorno attraverso pezzi che affondano direttamente nella nostra realtà. Index, Pugni chiusi, Sottosopra, la stessa title track, Underdog sono solo alcuni momenti davvero incisivi dell’intera produzione. Undici è un disco di rilievo e di collaborazioni, un insieme di tracce che raccolgono la polvere del tempo per sedimentarla all’interno della nostra vita per poi riconsegnarla con tecnica evidente all’interno del nostro io. Undici è un racconto di vita che va giustamente sottolineato in una quotidianità tante volta asettica e priva di sentimenti.


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Avanguardie, Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.