Shed of Noiz – Re: Son (Autoproduzione)

Entrata trionfale per i Shed of Noiz che con questo album mettono una firma tangibile sulla lastra di granito della musica stoner/hard rock/progressive in Italia.

I 4 completano 592179_149987108493172_1238098065_nun ricco quadro che lungo le 8 tracce meraviglia i palati più raffinati con parti strumentali risultanti mai ovvie, richiamando costantemente la  linea guida dell’intero lavoro,  fatta di terreni aridi dove far crescere piccoli fiori .

Dopo 2 ep e numerose attività dal vivo, con apparizione nel live livornese dei Ministri, Luca Bicchielli alla voce, Dario Sardi alla chitarra, Giulio Panieri al basso e Mattia Salvadori batteria maturano una coscienza che si fa strada,  rispetto ai precedenti esordi, con un cantato italiano  e con una vena poetica marcata dal sapore leggermente retrò.

Nel  loro bellissimo lavoro possiamo ascoltare  A Perfect Circle che osservano da lontano QOTSA e Tool dietro nuvole di vapore sulfureo.

Grandine, dico io, penetrante che scalfisce, come le chitarre distorte in power chord, affilate da una sezione ritmica da brividi, capace di consegnare la giusta emozione nel giusto momento.

I 4 livornesi in questo lavoro abbracciano la coralità, l’uso di più voci a sottolineare e a dare un senso alla loro idea di musica.

“Re: Son” è degna delle migliori entrate da film, poliedrica poi la sensuale “Innoqui”, pezzo da “Requiem” di Verdeniana memoria lo ascoltiamo in “Immutevole” capitanato dalla seguace e dolce “Corri Dora”.

Martellante “Psico Area” contorniata da impulsi beat che fraseggia con “Aurora” scritta da Luca Bicchielli che ci concede attimi di follia per annunciare la canzone più riuscita del disco “Senza peso” un cantato sussurrato dove le voci si amalgamano  in un’unica poesia.

Nel finale chiude bene l’iraconda “Infetto”.

Crescendo si matura e in questo caso il suono si fa energia e melodia, un connubio perfetto per questi giovani cha hanno saputo miscelare il cantato in italiano e cristallino con il gusto stoner-oltreoceanico, creando un piccolo gioiello di rara intensità.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.