Seraphic eyes – Hope (VREC)

L'immagine può contenere: 1 persona, primo piano

Grunge costipato al suolo e portatore di una musica fatta di sudore e speranza ad intrappolare magnetica le illusioni della vita moderna in una ricerca costante di suoni provenienti da una Seattle ancorata al passato tra i primi sporchi e ruvidi Nirvana per passare ai Pearl Jam e alla Los Angeles multiculturale di band come i Bad Religion. I Seraphic Eyes, nella loro seconda prova, intessono trame e architetture notevoli, impressionanti per il suono granitico e muscoloso proposto, ma nel contempo veicolanti messaggi che non si nascondono dietro le apparenze, ma piuttosto utilizzando quelle stesse apparenze come ostacolo da scavalcare oltre ogni moda precostituita. Hope, nonostante “il già ascoltato” della musica proposta è un guardare lontano utilizzando i canali della rabbia e dell’abbandono per cercare di porre le basi per edificare edifici di solida e robusta fattura senza accontentarsi quindi soltanto dell’esteriorità, ma piuttosto rispolverando i sentimenti e gli ideali di un suono che ha fatto la storia della musica per come la conosciamo. 


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Seraphic eyes – Hope (VREC)

  1. Alberto scrive:

    Grazie della bella recensione! Abbiamo lavorato molto per scrivere parole e musica che esprimessero i concetti che abbiamo a cuore, vedere che passano è il massimo che possiamo chiedere! 🙂