Seddy Mellory – Urban Cream Empire (Kandinsky Records)

Gusto eccentrico per gli anni ’70 e le produzioni a venire, che si divincola in modo quasi acido e dirompente  pronto a destrutturare la capacità di dar voce al ghetto, canzoni che partono dal basso, con vena di protesta e quasi malinconiche con piglio autoironico, ma efficaci in grado di conglobare un’internazionalità alquanto spinta e catapultarci proprio in quegli anni tra New York Dolls passando per la sgangheratezza raffinata targata Clash e il genio folle di Rotten e compagni.

Un insieme quindi di 14 pezzi veloci, ben suonati e sotto i tre minuti, per sganciarsi da ogni forma di copia spudorata in musica, alla ricerca della canzone perfetta, alla ricerca di una sostanza, quella crema urbana che forma un sistema, un approccio, un mondo terreno dove vivere, tra le preoccupazioni di ogni giorno e i mondi che conquistiamo.

Nel loro terzo disco i nostri sanno con certezza che cosa vogliono e riescono anche a raccontarcelo; potrebbe essere la colonna sonora di GTA, sapete, quando si cambia stazione della radio, ecco trovare queste canzoni e sentirle dentro regala un senso di libertà che a fatica si riesce a spiegare.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.