Rainbow bridge – Dirty sunday (Autoproduzione)

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Trio di potenza acida che implementa la lezione del tempo, la lezione degli anni ’60, quella di Hendrix per intenderci in una costante ricerca di fondo che approda allo strumentale dove le incursioni si fanno sempre più vive in una chiara e netta psichedelia che fa scuola e porta il nostro Giuseppe Piazzolla, Fabio Chiarazzo e Paolo Ormas ad instaurare e a tessere geometrie di improvvisazione sostenuta in un disco che ha il sapore di una sporca domenica costituito per l’occasione da cinque pezzi che implementano il valore intrinseco di questo EP e garantiscono un approccio del tutto riuscito a canzoni che trasportano l’ascoltatore attraverso il tempo per come lo conosciamo. Un album stratificato e nel complesso immediato che farà impazzire di gioia i nostalgici di genere e lascerà spazio alla luce colorata proprio quando quest’ultima sembra non aver spazi d’apertura.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.