-LIBRI ILLUSTRATI- Antonis Papatheodoulou/Iris Samartzi – Un’ultima lettera (Kalandraka)

Un'ultima lettera

Titolo: Un’ultima lettera

Autori: Antonis Papatheodoulou/Iris Samartzi

Casa Editrice: Kalandraka

Caratteristiche: pagine 48, 20×15, copertina rigida

Prezzo: 15,00 €

ISBN: 9788895933658

La annusi, la puoi toccare, la sfiori e con un dito ne percepisci rugosità, porosità, la delicatezza leggera e la sembianza contornata dai sentimenti che caratterizza la carta, la scrittura, la corrispondenza, la lettera nel mondo caotico di internet, delle facili relazioni, dove tutto perde di valore tridimensionale e dove la quantità vince sulla qualità, sempre. La lettera, i pensieri scritti, la parola quindi perpetuata nel tempo, la bellissima cosa chiamata attesa che ci coinvolge e non ci abbandona, ma piuttosto nutre di speranza le nostre azioni, i nostri sentimenti più belli, più profondi, più sicuri.

Un’ultima lettera è un libricino prezioso, ci fa comprendere appieno l’epoca in cui viviamo o meglio ci racconta di un passato che non c’è più, quell’intelligibilità tra le persone che traspare nei rapporti, nello sperato, scavando nelle profondità delle piccole cose che sono e che fanno da base per le relazioni degli uomini e delle donne future, dei bambini che verranno. Qualcosa si è perso lunga la strada, qualcosa che nelle pagine scritte e illustrate da Antonis Papatheodoulou e Iris Samartzi prende vita raccontando di un postino, del suo ultimo giorno di lavoro e di una sorpresa che lo attenderà come commiato per il prezioso lavoro svolto e per tutto ciò che è stato il suo infaticabile venire al mondo tra la gente.

Immagine correlata

Il libro edito da Kalandraka ricorda un altro capolavoro della narrativa per l’infanzia Il postino dei messaggi in bottiglia anche se qui, nella creazione della coppia greca, la struttura in parte similare si abbandona ad un comparto grafico che fa del collage emozionale un tocco distintivo e apprezzabile. Il disegno prende forma, prende vita ribadendo concetti inespressi e capaci di scavare e scavare all’interno del lettore per ricreare un senso di concretezza davvero convincente grazie ad una stabilità cromatica che predilige i colori tenui, quei virati seppia e quegli azzurri di un’epoca che sembra non esistere più.

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

Un’ultima lettera è prima di tutto un segno di speranza, una concretezza storica da ribadire, da narrare e ricordare, prima che sia troppo tardi. Questo illustrato d’autore è un piccolo fascio di luce solitario in tanto caos multimediale, un’essenziale ricerca che nel gesto si fa punto d’approdo, un modo diverso di comunicare e tramandare significati che hanno bisogno di essere inviati, aperti, imbucati come piccoli cenni d’amore.

Per info e per acquistare il libro:

http://www.kalandraka.com/it/collezioni/raccolta-nome/particolare-del-libro/ver/unha-ultima-carta-1/

Pubblicato in LIBRI ILLUSTRATI | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Algo vuol dire qualcosa – Altrove (Resisto)

Risultati immagini per algo vuol dire qualcosa altrove

Duo composito alla ricerca esperienziale di un luogo da definire dove trovare un punto di svolta in una stabilità che si fa nel viaggio geometrico sostanza cangiante e importante, sostanza ammirevole costituita da una contemporaneità di fondo che usa l’elettronica e stabilisce patti, forme e costruzioni grazie ad un suono ricercato, metafisico e particolare. Come in un quadro di Magritte o di De Chirico i nostri instaurano il proprio stile e il proprio volere oltre lo sperato intessendo trame convincenti lungo l’intera scelta dei brani che si fanno esperienza, che si fanno punto di svolta ammirevole dando forma ed eterogeneità lungo tutto il corso del costruito lasciando voce e campo aperto alle architetture di fondo create. Da Universi fino a Mentre Olivia dorme c’è un bisogno di capire i segreti celati in questi dodici brani d’autore che si trasformano in art rock quando meno te lo aspetti dando forme sempre nuove ad un’esigenza che prima di tutto si fa vissuto e nel contempo sa dipingere il surreale in un incedere di meraviglie percepibili. 


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Starcontrol – Fragments (Swiss Dark Nights)

Frammenti notturni di un’elettronica in sospensione che predilige apporti intimi e dilatati per battiti sincopati pronti a racchiudere nell’etere tanta sostanza, in un’illusione concentrica che in musica sospinta tinge di colore, modifica le inclinazioni dei piani e rende emozionale l’approccio per un trio davvero notevole che riesce a dare sostanziale importanza ai frammenti di un’opera esterna che parla nell’immediato di un mondo interiore, di un mondo personale, soggettivo e introspettivo caratterizzato da tinte scure e da bisogni in dissoluzione. Gli Starcontrol rendono il loro post punk più vicino ad una formula moderna, una formula contemporanea che attinge dal rock moderno linfa vitale pur non disdegnando soluzioni evocative chiare e nette, pur mantenendo un cuore ibrido, un senso di oppressione notevole che sfocia in perle che danno un senso omogeneo al compiuto, da A cruel day fino a Newton’s third law i nostri fanno della quarta dimensione una proiezione del loro essere, del loro continuare a credere in qualcosa di davvero importante. 


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Cityswell – Travels (IMass Music Group/Fall Dam)

Risultati immagini per cityswell travels

Ep che incontra le sonorità folk senza disdegnare l’approccio rock in un concentrato di forme e immagini in decostruzione che attingono direttamente dagli anni ’90 e si fanno portatrici di un suono carico di interesse e ricerca per una prova dal sapore d’oltreoceano che convince già dal primo ascolto. In bilico tra Counting Crows e Rem il nostro Thomas Casotto ci racconta, con tono sognante, di viaggi e di viaggiatori, di esperienze e persone, di ascese verso lidi e montagne lontane di senso di libertà onnipresente in tutte e cinque le tracce proposte in un sodalizio con l’arte del raccontarsi che in questa prova trova diversi punti di sfogo, diversi punti di interesse sicuri e congegnali. Il viaggio quindi emozionale e il desiderio di raggiungere luoghi inesplorati attraverso un rock che incrocia il soul e si fa intenso nel lirismo proposto dando sfogo volontario ed emancipato ad un fluttuare elegante all’interno delle suggestioni incanalate in questa breve prova, ma comunque consapevole di essere nell’atto di aprirsi, convincendo e immaginando futuri diversi e possibili. 


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Vintage Violence – Senza barrè (Maninalto!)

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Rivisitazione in chiave acustica, spoglia, essenziale di due piccole perle musicali del panorama della musica italiana. Piccoli intrattenimenti musicali e Senza paura delle rovine qui rivisitati e implementati da un inedito devastano per importanza delle parole sedimentate e qui rigogliose a nuove aperture, sognanti e inespresse, una voce più calda e avvolgente rende questa nuova prova spiazzante, ma bella nel senso più profondo che questo termine generico può ricordare. I Vintage Violence abbandonano il punk, il rock, spogliando di tutti gli orpelli canzoni già di per sé intriganti, ma che in questa nuova veste tendono a conservare un fascino fuori dal tempo, introspettivo, audace, rigorosamente senza barrè e pieno di quella vitalità che nonostante la versione rallentata dei pezzi proposti, si fa narrazione valorizzando le parole, i significati in una continua ricerca mossa dal bisogno di sperimentare e di mettersi in gioco. Ciò che ne esce è un disco accompagnato da un plettro personalizzato e dal libretto contenente gli accordi di tutte le canzoni, un album che ancora una volta sa mettere in luce, da una diversa prospettiva, la forza di questa band che sa rinnovarsi in modo del tutto naturale e soprattutto sincero. 


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Settembre – Di questi tempi (Autoproduzione)

Risultati immagini per settembre di questi tempi

Settembre è la voce ironica che sintetizza un periodo, uno stato mentale, un modo di approcciare la vita con fare disincantato, pazzo, ma nel contempo riflessivo, interiorizzato e mai e assolutamente mai scontato. Settembre è il progetto del giovane cantautore milanese Stefano Riggio che grazie a questa prova sudata ci fa comprendere la propria passione per la musica d’autore italiana da Gaetano fino a Ivan Graziani passando per Lucio Battisti intercettando umori e sensazioni che la vita offre giorno dopo giorno con il tentativo di tradurli su carta attraverso poesie metropolitane che fanno di questo, per così dire pop autunnale, un punto d’incontro tra generazioni, un passo necessario per entrare attraverso un mondo, attraverso ciò che possiamo vivere quotidianamente. Pezzi da ricordare come La canzone da radio, 1999, Tutto è pop, sono solo alcuni momenti di un puzzle che tende ad inquadrare come ossimoro una forma mentale che racchiude la malinconia e l’ironia, il passato e il presente, l’autodeterminazione e la dipendenza nei confronti di qualcosa che non c’è più, ma che grazie a questa musica riesce a vivere ancora davanti ai nostri occhi, con coraggio, procedendo con stile, senza fermarsi. 


Pubblicato in Indie Pop, Musica d'autore | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Bonetti – Dopo la guerra (Costello’s Records/Labellascheggia)

Risultati immagini per bonetti dopo la guerra

Le guerre che ogni giorno ci troviamo ad affrontare sono guerre silenziose, sono guerre che scavano come un tarlo all’interno di noi e continuano a perpetuare legami negativi con la nostra coscienza, con il nostro venire al mondo in uno stato anormale, ma purtroppo consuetudinario che ci vede non più protagonisti del nostro destino, ma piuttosto succubi di un qualcosa a cui difficilmente riusciamo a dare un nome. Il disco di Bonetti racchiude tutto questo, racchiude un senso di comunicazione davvero importante, parla di periodi intensi legati al filo del ricordo, ma gettati inesorabili al presente con il fare di chi ricerca essenzialmente un fondo, un barlume di verità o perlomeno un sentiero più sicuro e onesto da seguire, incoraggiato da testi mai banali, da musiche essenziali, ma nel contempo meditate, sognanti e concepite per essere vissute come una vita intera. Abbandonando l’inutilità di questo e altri tempi per focalizzare l’approccio sul fulcro delle cose il cantautore piemontese consegna una prova lucida, personale e nel contempo universale, un disco che ci parla da vicino, un album in cui immedesimarsi diventa del tutto naturale. 


Pubblicato in Musica d'autore | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Fumo- Sogni (Bulbart)

Risultati immagini per nicola fumo sogni musica

Cantautorato da cameretta, sognante e introspettivo, carico di malinconie autunnali e spettri nell’armadio da nascondere per farli diventare ricordi di un tempo passato legato al celato, al notturno sole, a quella strana sensazione di solitudine che ci attanaglia nelle ore più buie della giornata. Il nostro Nicola Fumo intreccia le musiche di Nick Drake con quelle di Elliott Smith per un risultato interessante pronto a raccontarsi e a consumarsi attraverso l’uso di parole che non sono mai scontate, ma piuttosto scavano e ricercano nella profondità interiore un proprio punto d’appoggio, una via di differenziazione ritrovata, scolpita e annusata nella quotidianità, per un album, un piccolo disco che convince e si lascia trasportare. Chitarra acustica e voce sono i fondamentali per entrare nel mondo di Fumo e canzoni come Viale case sante, Appuntamenti o la stessa title track sono punti d’appoggio per entrare nella poetica del giovane musicista partenopeo. Architetture essenziali quindi fanno da base per i futuri che verranno e con senso crepuscolare convivono con le nostre paure in un film chiamato vita che ingloba e non risparmia nessuno. 


Pubblicato in Musica d'autore | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Echo Atom – Redemption (Seahorse Recordings)

Risultati immagini per echo atom

Moti ondosi e incursioni post rock capaci di far vibrare cuore, vene e arterie sulla nave chiamata vita che intercorre e trasporta, concede e abbandona attraverso i flutti della ragione, attraverso la forza di ogni concezione per come la conosciamo. Gli Echo Atom scindono i fraseggi in qualcosa di percepibile e costruttivo, abbondantemente introspettivo e contorto quanto basta da relegare il tutto ad un labirinto di coscienza che si scontra con la realtà e che grazie ad un groove e ad un suono incisivo riesce a confrontarsi con quello che portiamo dentro, con quello che siamo e con quello che saremo. Sono solo cinque pezzi, una specie di EP che si affaccia ad un’internazionalità d’oltreoceano e permette l’ascoltatore di accostare capacità intrinseche a nuove esigenze che consentono di penetrare il senso profondo di questi pezzi da Awakening fino a Peaks, tra le radici di Explosions in the sky, Mogwai, God is an astronaut, Caspian i nostri ci donano una prova che può solo fare bene. 


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Pornocircuito – Lo-Fi per scelta (Autoproduzione)

Risultati immagini per pornocircuito lo fi per scelta

Divagazioni in rock rigorosamente lo-fi perpetuate dal risveglio dopo il sonno della ragione in un’estasi metafisica così immediata quasi in chiave live che sotterra il preconfezionamento benpensante e stabilendo nuove e vecchie regole accentuate dal  bisogno di comunicare, dal bisogno di passare all’azione grazie a solchi impressi nel tempo che verrà. Il disco dei Pornocircuito rappresenta un’esigenza di uscire allo scoperto dando forma a qualcosa che ha l’odore dell’umidità di una cantina polverosa e pronta a sciogliersi in costrutti impacchettati per dare senso a otto canzoni e una bonus track che prendono spunto musicale dalla scena grunge degli anni ’90 fino al perpetuarsi di attimi e intese dissuase dagli orpelli, ma enigmatiche e vicine più che mai a quello che stiamo vivendo. I pezzi seguono una propria scaletta, un filo rosso indissolubile da Barostica a Operaio rock passando per la riuscitissima La bora e forme punk inscatolate di pezzi come Superzero o Il giovedì per un disco essenziale, sudato e vero. 


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento