Garuda – Garuda (Autoproduzione)

GARUDA

Rock, funk, pop che si mescola attraendo masse diverse e creando, in costante ricerca, un’energia contagiosa in grado di attraversare tempo e spazio, bisogni sempre nuovi e quotidianità da raccontare. I Garuda, formati da Sandro Donda e Emma Lercari, per l’occasione coadiuvati da Giuseppe Scarpato e Luca Martelli danno vita ad un disco che con ironia fa riflettere sul nostro vivere, con ironia riesce a dare un senso e un significato a tutto ciò che ci gira intorno. Esemplificazione di tutto ciò la possiamo trovare in pezzi come L’illusione magica, Passo passo, Scegli un nemico per un intreccio intriso di verismo e in qualche modo ricco di rimandi ad una società in cambiamento, una società congestionata e priva di vie d’uscita. I Garuda sanno raccontare tutto questo. Lo fanno con uno stile del tutto personale. Lo fanno con la classe di chi conosce il valore delle cose.


Pubblicato in Alternative Rock, Musica d'autore | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Dazio – Come fanno gli animali (Autoproduzione)

album Come fanno gli animali - DAZIO

Disco introspettivo con melodie pop ammiccanti. Disco intenso pieno di citazioni, di rimandi ad una vita reale, a quel bisogno essenziale di far parte di qualcosa di più grande, intenso, vissuto. Dazio, cantautore e polistrumentista romano ci regala un album che ricorda molto Calcutta, i The giornalisti, Gazzelle e tutta quella la scena indie pop tanto cara e di moda ai giorni nostri. Dentro a Come fanno gli animali però c’è un lato interiore, una parte che piano piano esce per rendere l’ascolto lontano dal mainstream. In Come fanno gli animali c’è la canzone d’autore italiana che diventa viaggio all’interno dello stesso cantautore per scandagliare in profondità sentimenti ed emozioni, vissuti e reali bisogni a venire. Quello che ne esce è un disco vero, reale, non fittizio, ma piuttosto un album in grado di inseguire un sogno di gioventù lungo una vita intera.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Alba Caduca – Nigredo (Autoproduzione)

L'immagine può contenere: 3 persone, spazio al chiuso

Autoproduzione hard rock di potenza incontrollata che sa mescolare sapientemente parti strumentali a parti cantate in italiano per un quarto lavoro intenso, viscerale e magmatico. La band friulana ci regala questo Nigredo attraverso un passaggio necessario di forme e colori, un passaggio dal buio alla luce che intensifica miraggi di un altro mondo possibile e annotare sul taccuino della vita l’essenzialità espressa, il bagliore da ricercare. Gli Alba Caduca riescono nell’intento di portarci all’interno del loro mondo. Lo fanno con una capacità intrinseca maturata nel tempo, lo fanno con una capacità del tutto naturale nel creare forme, nel conquistare sostanza. Da Bomber fino a Afghano passando per Marnero, Kronos, Si muove i nostri riescono a dare vita ad un concentrato hard rock cantautorale di rara intensità.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Rubino – Red EP (Autoproduzione)

album Red EP : Rubino - Rubino

Frizzante classic rock che trova nella potenza del momento una melodia pop che riesce ad invogliare l’ascolto creando muri di suono convincenti che attraversano l’etere, attraversano strati di materia sedimentata nel tempo e lasciata a decantare per l’occasione. L’EP di Rubino è un album compatto, fatto di sogni e speranze. Un insieme di cinque tracce che mostrano elevata capacità tecnica nel costruire canzoni fatte di sudore ed energia. Cinque pezzi soltanto che sono un ottimo biglietto da visita per il nostro. Un EP che si muove da Why don’t you think about love? fino a Don’t eat me! Don’t kill me! per un insieme corale di musica che diventa ponte tra passato e futuro, tra quello che c’è stato e quello che deve ancora arrivare.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Hibou Moyen – Lumen (Private Stanze)

L'immagine può contenere: 1 persona

Poesia raffinata in musica atterrata al suolo da costrutti emozionali che rendono il suono d’autore del nostro, arrivato ormai al quarto album, un punto fermo di sostanza e di bellezza da assaporare ascolto su ascolto. Le incursioni folk e autoriali affondano nell’alternative dei novanta e creano una comunione d’intenti con un disco omogeneo, ma nel contempo stratificato dove le sferzate elettriche si accoppiano in modo del tutto naturale con ballad purissime capaci di incontrare Beatles e Radiohead in un ascolto che diventa parte necessaria di un qualcosa di più grande. Da Uragano fino a Preghiera dei lupi il nostro riesce a dare forma e sostanza ad una realtà che va ben oltre la quotidianità, il tutto attraverso un linguaggio a tratti etereo e sognante, a tratti crudo e vero. Un album intenso quello di Giacomo Radi. Un album che nel suo insieme trova la direzione matura da seguire nel complesso e intricato mondo delle produzioni musicali odierne.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

La Scala Shepard – Bersagli (Goodfellas Records)

album Bersagli - La Scala Shepard

Pezzi d’oltremanica si stagliano all’orizzonte per il primo, intero dei La Scala di Shepard. Un disco che conquista per omogeneità diffusa e si rende necessario ascolto all’interno di contesti di vita che sanno regalare emozioni su misura, ricreate per l’occasione e tanto necessarie quanto utili per comprendere una filosofia di fondo, un pensiero, un costrutto atto a farci naufragare dolcemente. La canzone d’autore e l’alternative rock sono amalgamati in modo indiscutibile e la doppia voce, femminile e maschile, rende profondità di campo all’intero album creato. Bersagli scopre un mondo all’interno di altri mondi. Trasporta l’ascoltatore in pezzi tirati e di immacolata bellezza come l’apertura affidata a Potesse esplodere la città, passando per Paranoia, Un giro di giostra, Via Dupré e la stessa title track finale. Ciò che ne esce in tutto questo è un primo full length d’avanguardia pop che non dimentica le facili impressioni e costruisce, racconto su racconto, un proprio stile da seguire. Bravi.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

La gabbia – Madre nostra (You Can’t Records)

album Madre Nostra - La Gabbia

Vertiginosi sali scendi sonori intessono trame di sconfinata energia da dove attingere vita, da dove attingere in modo del tutto inatteso potenza incontrollata a dismisura in costrutti necessari oggi più che mai. Il disco dei La gabbia concentra un bisogno essenziale di comunicare attraverso canzoni che lacerano come coltello, lacerano e ti entrano dentro. Pezzi che parlano di noi da vicino. Pezzi che si discostano da questa nostra inutilità per riportarci sulla carreggiata della realtà. Un album, questo Madre nostra, capace di racchiudere al proprio interno un bisogno sconsiderato di gridare con forza la propria appartenenza, uno stato d’animo, un dipinto interiore. Ciò che ne esce, da la riuscitissima Ilaria d’apertura fino a La fine e l’inizio di una vita passando per Violenza e Non esisti, è un disco compatto, omogeneo, a tratti oscuro, ma nella sua interezza pieno di vita.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Jennifer Gentle – Jennifer Gentle (La Tempesta International)

Ultimissimo album dopo dieci anni dall’ultimo lavoro per la band capitanata da Marco Fasolo. Un gruppo diventato famoso per eclettismo e bisogno sempre nuovo e naturale di stupire attraverso una forma canzone che non da nulla per scontato, ma che piuttosto scava nei meandri della storia della musica per creare e ridare linfa vitale ad una psichedelia italiana dal fortissimo respiro internazionale. Ascoltare questo omonimo è un’esperienza prima di tutto. Si deve accettare di andare oltre il già sentito, oltrepassare schemi precostituiti e lasciarsi trasportare attraverso un suono d’impatto che trova nel groove necessario un punto di continuità, un punto di essenzialità condivisa. Flusso di coscienza quindi per diciassette pezzi che creano piccoli nuclei a se stanti. Canzoni che costituiscono aperture ad una voce che sa colpire nel segno dipingendo quadri strampalati e sghembi a segnare una maturità stilistica alquanto invidiabile. Quello che ne esce è un album che non ricerca le mezze misure, ma piuttosto si fa lisergica visione di questi nostri tempi. Imprevedibilità quindi che colpisce allo stomaco. Imprevedibilità che a tratti sa cullare, a tratti ti trasporta come barca in un mare in tempesta.


Pubblicato in Alternative Rock, Avanguardie | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Cappadonia – Corpo Minore (Brutture Moderne)

album Corpo minore - Cappadonia

Poesia in musica di eccezionale grado sopraffino. Una poesia che intesse le trame di questi nostri giorni e cerca, nel vagare del nostro spazio, un corpo celeste da attrarre e condurre a sé, un corpo celeste in grado di attraversare il cammino, di attraversare la sostanza materica di cui noi siamo fatti. Un viaggio quindi dentro alle galassie che ci portiamo dentro. Attimi di lucentezza che risplendono in pezzi dal sapore d’altri tempi che ammiccano ai The Smiths e intensificano i rapporti con l’ascoltatore attraverso un alternative mai scontato, ma che si riprende i propri spazi vitali per consegnarci visioni di esseri eterei in un universo privo di barriere. Il sottile bisogno di appartenere al tempo è un costrutto necessario per capire questa piccola opera. Cappadonia con Corpo Minore sfodera un’importante maturità raggiunta attraverso un uso proverbiale della forma canzone e attraverso l’intensificarsi, sempre maggiore, di una bellezza viva e necessaria.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Animatronic – Rec (La Tempesta International)

Risultati immagini per animatronic rec

Incontrollato bisogno di apparire attraverso musica e suoni tribali che riescono a mescolare prog, rock, psichedelia e tanto bisogno di sperimentare a fondo capacità intrinseche, capacità impressionanti di comunicare energia in subbuglio. Il disco degli Animatronic, trio formato da Luca Ferrari alla batteria, da Luca Terzi alla chitarra e da Nico Atzori al basso è un insieme di pezzi concentrico in grado di attraversare decadi di sperimentazioni per atterrare su pianure sconfinate di improvvisazione necessaria e cambi repentini di corrente a dar luce nell’oscurità. Sono quindici tracce di una maturità impressionante. Quindici canzoni in grado di portare l’ascoltatore su altri mondi, abbandonando il sentiero sicuro e donando apertura ad una tecnica elevatissima e mai fine a se stessa.


Pubblicato in Alternative Rock | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento