Ovest di Tahiti – Luci della città (Autoproduzione)

Primo disco che ha il profumo della maturità per la band pugliese in grado di attraversare decadi di cantautorato elegante e ragionato per dare un senso e una misura maggiore al significato di realtà che ci sopraggiunge ad intensificare rapporti, a rendere forse più chiaro ciò che non risulta essere evidente percependo un bisogno di raccontare che nell’onirico e sognante mondo che ci troviamo ad affrontare si fa visione materiale di questi nostri tempi. Il progetto Ovest di Tahiti intesse un disco formato da otto tracce dove poesia e musica si fondono per tentare di comprendere le dinamiche di questo nostro vivere. C’è un tocco di felicità da svelare in questo Luci della città e l’interesse per i nostri per tutto ciò che può essere bello e raffinato si percepisce ascolto dopo ascolto. Le tracce sicuramente più incisive dell’intera produzione si muovono dalle aperture di Autostrada e Indifferente fino a Lettera per gli ignavi per concludere con una title track dall’outro potente e psichedelico. Ciò che resta di questo disco è la notte che ingloba e che nel contempo porta con sé quel senso disincantato di bellezza da riscoprire nel significato stesso delle parole usate. 


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock, Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.