My Mystakes – Campbell road (Autoproduzione)

I  My mystakes portano a casa una bella prova.

La portano a casa con coraggio e voglia di andare avanti; dopo i giorni spesi a far cover di Oasis e Coldplay si concentrano su di una stesura più diretta, immediata con chitarre distorte a far tremare tappeti sonori di incisioni legate alla strada, ai sassi, al suolo che viene calpestato.

Una prova senza mezze misure, registrata nella “lontana” Inghilterra, ammiccando a quel suono brit che lega Blur a Travis passando per The Verve e i Radiohead di Pablo honey.

Nove canzoni che si fanno ascoltare tutte d’un fiato, tra strutture non del tutto originali, ma che sfiorano un disco ben pensato con i cori che lasciano all’immaginazione e la poetica impalcatura nel girovagare intona ballate da ricordo come “I feel” struggente quanto basta per passare a “No way” dalle atmosfere piovose e di acqua che si lascia ad assoli conturbanti.

Evocativa inoltre nel finale “We can afford life”, con le parole  “noi non possiamo vederti” si chiude un album che porta la band a sognare mete luminose.

Un disco ben curato e puntuale dove i dettagli sono parte fondamentale di un tutto in piena evoluzione; nell’attesa che le loro speranze si trasformino in realtà, consiglio una maggiore capacità di osare, questo li porterà sicuramente, in modo più semplice, ai risultati sperati.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.