Minimal Whale – Minimal Whale (Marsiglia Records)

L’evoluzione del grunge ce la consegnano i Minimal Whale, caratterizzati da una forte capacità espressiva da locale assetato e da sguardi inattesi e rubati.

L’evoluzione del rock quindi la troviamo in queste sei tracce, accomunate da sonorità tardo novanta con all’interno quella caratteristica inusuale di creare un connubio tra chitarre distorte e strumenti come sax e pianoforti.

Laydown ne è l’esempio più lampante, metrica perfetta per imbastire una meraviglia sonora da colonna portante per i nostri giorni.

Questa è una musica che va ben oltre le capacità di governare il tempo e il fattore emozionale come quello di improvvisazione è legato da un filo sottile che ci regala attimi di puro delirio in bridge quasi sconnessi, ma efficaci.

Oscuri e criptici, ricordano per certi versi il fortunato esordio dei Vanity, ma con un piglio di disincanto maggiore, capaci di inondare energia innaturale nel palco della vita.

Un gran bel disco, compatto e granitico, portatore, nella tradizione, di innovazione.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.