Mezzafemmina – Un giorno da leone (Controrecords)

Mezzafemmina un giorno da leoniE’ molto difficile trovare al giorno d’oggi dei dischi che ci fanno riflettere e al contempo ballare: un giorno da leone di Mezzafemmina rientra tra questi.

Tra ballate dolci amare il nostro, all’anagrafe, Gianluca Conte, confeziona un album ricco di sostanza da esportare e pieno di quella capacità primitiva di entrare in subbuglio con i nostri parametri vitali scardinandoli e lasciandoli vagare indisturbati e liberi.

La scena piemontese è ricca i questi giovani talenti e il cantautore in questione, al suo secondo album, porta a casa una prova convincente e varia soprattutto sotto l’aspetto stilistico: nella cura dei testi e nelle musiche, che per l’occasione sono state mixate da Giorgio Baldi, già produttore e chitarrista di Max Gazzè.

Numerose poi le collaborazioni, in primis con Cristiano Lo Mele e Gigi Giancursi dei Perturbazione, con Fabrizio Cit Chiappello, Federico Puttilli dei Nadar Solo e con il rapper Chef Ragoo.

Un disco eterogeneo che fonde una leggera elettronica ad arrangiamenti stabili, ma destabilizzanti, dove l’improvvisazione e il lasciarsi trasportare sono armi vincenti che abbattono tutto ciò che può sembrare buio regalando attimi di aria in posti dove l’aria non c’è.

Ci si prende in giro, si racconta l’Italia sterile, che non concepisce, che chiede, ma non fa, in cui le parole si abusano e il significato di queste ultime varia a seconda dell’occasione: un’Italia misera.

Sentire per credere la traccia di apertura 364 giorni di oblio o la Collezione di Vizi che si caratterizza per una sfida portata all’eccesso nell’inseguire ciò che mai sarà nostro.

Le altre tracce scorrono bene e scorrono veloci si passa a l’Italia non è con sussulti struggenti in Silvia, credimi, finendo in bellezza con Le verità banali.

Un disco maturo, complesso e capace di scardinare prese di posizioni che non sempre risultavano comprensibili e tanto meno malleabili, un album da avere per ricordare a noi, ogni giorno, che possiamo essere diversi.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Elettronica, Indie Pop, Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.