Matteo Muntoni – Radio Luxembourg (Ticonzero)

Molteplicità di mondi, poliedricità a dismisura, passione costante lunga una vita intera per una ricerca di sostanziale miraggio che va oltre le apparenze e regala forti sensazioni ad ogni ascolto. Il disco di Matteo Muntoni convoglia energia e arte, capacità espositiva mai banale e preziosi elementi di contrasto che rendono questa cavalcata eterogenea un grande disco concentrato dove improvvisazione, jazz, prog si fondono, si toccano, si avvicinano e si allontanano per dare vita a qualcosa di originale. Un minimalismo concentrico, fino a toccare sprazzi di psichedelia cosmica che non si accontenta, ma si lascia ammaliare per fondersi confondersi con un vissuto fatto di energia e quiete, calma apparente per mondi a venire. Il disco di Matteo Muntoni parla all’ascoltatore con una maestria e una maturità uniche. Un insieme di tracce che diventano cerebrali e discorsive, tra dicotomie riuscite e sentieri ancora da scoprire.


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Avanguardie e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.