Margo Sanda – Delay (Autoproduzione)

album Delay - Margo Sanda

Si apre il sipario e su di un palco polveroso incastonato nella sublime energia di ciò che è stato appare Margo Sanda, all’anagrafe Margherita Capuccini, a ristabilire delicate armonie elettroniche, a tratti dissonanti, nell’etere che divora e decostruisce ad arte fino a farci comprendere l’importanza gestuale dell’attimo appena vissuto. Con l’EP d’esordio Delay la nostra intasca una prova che ha il profumo degli anni ’80, vengono a mente inevitabilmente i parallelismi con Julee Cruise in Twin Peaks, una voce proveniente da un altro mondo capace di entrare nel corpo di chi ascolta senza più abbandonarlo, tanti sono i richiami con ciò che è stato e che forse non ritornerà mai. Pezzi come l’apertura More, la verbosa Vuoto o la finale MaleGola intersecano un’originalità di fondo davvero speciale che fa di Margo Sanda una cantautrice sperimentale dal forte impatto emotivo, un disco notturno, un album di rumori di sottofondo che riempiono il nostro vagare verso mete ancora incalcolabili, ma dilatate in un ambiente senza dimensioni.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre…anche se qui ci si mette il cuore.
Recensiamo i Vostri Lavori.
Ascoltiamo tutto tranne ska, reggae, hip hop metal e derivati.
Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno.
Cerchiamo di recensire tutti i lavori che ci arrivano.
*** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTO con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento.
Contatti [email protected]
RECENSIAMO SOLO MATERIALE FISICO. L’indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.

Questa voce è stata pubblicata in Avanguardie, Elettronica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.