Marazzita – Mi gioco i sogni a carte (La Fame Dischi)

Marazzita cantautore calabrese dipinge 6 quadri di dura realtà, graffiata da una poetica scanzonata e ironica scolpita a tratti da colori più intensi e di riflessione.

Ci troviamo davanti al suo secondo ep edito da La Fame Dischi, etichetta che accoglie numerosi cantautori degli anni zero e derivati.

Il groove dei suoni è amalgamato in modo ottimale da Pebbe Marazzita alla chitarra e voce, Tore Marazzita al basso e synth, Carlo Pronestì alle chitarre elettriche, Michele Turco alla batteria nel brano “Maledetto”, Alessandro Dell’Ammassari alle chitarre nel brano “Maledetto” e Gianluca Di Vincenzo tastiere e synth in “Un balcone coi fiori”.

Sembra di ascoltare Brunori sotto il sole sull’Isola di Capo Rizzuto.

6 piccoli racconti di storia quotidiana segnata dall’inesorabile apatia di un qualsiasi giovane targato 2013 che fa i conti con le speranze che cedono il passo al tempo, quel tempo che si fa ricordo nella ballata d’apertura del disco “Maledetto” dedicata a Piero Ciampi “dipinti di parole naufragate in un cielo costellato di mattoni”, tempo di adolescenza e sogni infranti in “Posters” mentre in “Venderanno il mare” il tempo si fa futuro “Bisogna stare attenti a non consumare, il prossimo anno venderanno il mare”, cambio di ritmi e di atmosfere con la bellissima “Un balcone coi fiori” con un ritornello che si canticchia all’infinito “Dai che ho comprato del Chianti ho una stanza un balcone coi fiori” in ricordo di melodie molto “Affamate di Camilla”. I cori e il parlato sono elementi distintivi di “Vai via da qua” che aprono la strada al pezzo finale del disco “L’artista da giovane” che ricorda garage milanesi di Vasco Brondi.

Marazzita con questa prova ha definito il suo percorso di cantautore maturo in cerca di una via dove gridare le sue prese di coscienza, un grido sarcastico e innocente, un grido destinato a persone che sanno ascoltare.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Indie Pop e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.