Lou Mornero – Grilli (Cabezon Records)

Sensazioni tra fili d’erba notturni in prati contaminati da questo tempo triste. Elementi di disturbo che evocano visioni psichedeliche di un giorno che tende a non svanire. Elementi di sostanza e di insieme capaci di scavalcare l’etere e veicolare energia melliflua, indisciplinata, meravigliosa. Suoni che evocano un cantautorato bisognoso di scoperta. Sperimentale quanto basta a convogliare l’attrito verso galassie lontane. Suoni che coinvolgono e non tradiscono, ma accompagnano l’ascoltatore all’interno di scatole inclassificabili di puro godimento ed elevata capacità compositiva. Torna il cantautore milanese Lou Mornero. Torna con un album composto da otto tracce che si perdono e si avvicinano ai nostri pensieri. Si perdono e si riavvicinano condensando elementi compositi in pezzi introspettivi come Grilli, Due, Caro mio, Piccolo tormento. Un album che è più di una visione d’insieme. E’ piuttosto un eterogeneo bisogno di dare spazio alla materia in dissoluzione che qui trova uno sfogo salvifico nel mare del nulla quotidiano.


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock, Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.