-LIVE REPORT- Perturbazione/Nove metri quadri tour – Parole a confine/Caltrano(VI) – 01/04/17

L'immagine può contenere: sMS

Dalle mie parti il Festival Parole a Confine è sempre e comunque sinonimo di qualità vuoi per le proposte passate vuoi per la ricerca che non si ferma alle apparenze cercando sempre di rimanere su quel filo che si muove suadente tra indie e non in nome della buona musica che anche quest’anno caratterizza la rassegna culturale in questione.

Di cultura stiamo parlando, parola che nel vicentino e immagino nella provincia italiana, generalmente viene associata alla sagra paesana e alla difesa delle tradizioni, ma che in questo caso si stacca prepotentemente dalle consuetudini per dare vita ad una serie di eventi che inglobano un pensiero condiviso e di ampio respiro, necessario questo ad aprire le nostre porte a qualcosa di diverso e nel contempo essenziale.

Cultura è un po’ come ritornare alle abitudini domestiche, quelle di tutti i giorni, quando apri il frigorifero per prenderti qualcosa, accendi la luce per leggere meglio, guardi un film o strimpelli con il tuo strumento, è la dimensione domestica quella che fa la differenza, quella che trasforma un monolocale ai confini con la realtà in un’essenzialità magica e riempita per l’occasione di storie, di emozioni e di gratitudine per il tempo passato e per quello a venire tra ciò che ci siamo lasciati alle spalle e tutto quello che deve ancora succedere.

Ecco allora i Perturbazione, band di Rivoli, provincia di Torino che per l’occasione è ospite in quel di Caltrano, provincia di Vicenza, a portare sul palco la ventennale carriera e l’ultima fatica Le storie che ci raccontiamo, primo disco in quattro dopo l’uscita degli storici Gigi Giancursi e Elena Diana, un album in parte immediato e diretto, dal suono corposo, dove l’orecchiabilità di fondo rientra nella dimensione della band pur mantenendo una profondità da concept citando il regista indiano Shekhar Kapur e il suo discorso sul nostro essere le storie che ci raccontiamo: potenzialità che definiscono la nostra esistenza.

Quello di Caltrano però è un concerto intimo, sentito e vissuto, le canzoni scorrono intensificando la sintonia dei quattro nella loro stanza, nella loro sala prove che per l’occasione diventa un palco, un palco per raccontarsi. Dieci anni dopo apre il tutto per poi proseguire con le riuscitissime Leggere parole, Primo, Del Nostro tempo rubato tra le altre e poi ancora a caricare con la sanremese L’unica per lasciare spazio alla poesia senza tempo di Agosto e di Per te che non ho conosciuto fino al finale con la sorpresa popolare veneta Nina di Gualtiero Bertelli e il cuore aperto di I complicati pretesti del come.

Stupisce l’attenzione del pubblico in sala, stupiscono gli applausi provenienti dalle tante orecchie pensanti presenti. I Perturbazione continuano ad essere il perfetto equilibrio tra canzone pop e poesia in musica, merito di Cristiano, Alex e Rossano, merito di Tommaso, cantante della band che riesce a farti entrare nella canzone che starai per ascoltare, dando significato alle parole, ai testi, esprimendo un’introspezione malinconica e nel contempo generosa che alla fine porta con sé, ricordando il citato Morrissey, una luce che non si spegnerà mai.

Testo: Marco Zordan

Foto: Riccardo Panozzo

Setlist:

  1. Dieci anni dopo
  2. Dipende da te
  3. I baci vietati
  4. Leggere parole
  5. Battiti per minuto
  6. Cinico
  7. Primo
  8. Del nostro tempo rubato
  9. Trentenni
  10. Portami via di qua, sto male
  11. Ti aspettavo già
  12. L’unica
  13. Buongiorno buonafortuna
  14. Agosto
  15. Nel mio scrigno
  16. Per te che non ho conosciuto
  17. Encore: Nina
  18. Le storie che ci raccontiamo
  19. Encore 2: I complicati pretesti del come

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre…anche se qui ci si mette il cuore.
Recensiamo i Vostri Lavori.
Ascoltiamo tutto tranne ska, reggae, hip hop metal e derivati.
Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno.
Cerchiamo di recensire tutti i lavori che ci arrivano.
*** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTO con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento.
Contatti [email protected]
RECENSIAMO SOLO MATERIALE FISICO. L’indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.

Questa voce è stata pubblicata in Live Report e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.