LIVE REPORT – Paolo Cattaneo – Una piccola tregua tour – Teatro fonderia aperta Verona – 05/03/17

L'immagine può contenere: una o più persone

Da una Fonderia didattica unica in Italia viene ricavato un luogo ideale, nel cuore pulsante di Verona, per mettere in scena e rappresentare l’arte nella sua più totale diversificazione attraverso forme moderne e sempre nuove, attraverso una ricerca costante che stasera vede la musica d’autore essere al centro di un percorso che trova proprio in questo spazio, il luogo ideale per raffigurare il bello nella sua forma più alta, mai effimera o legata alle mode del momento, ma piuttosto una forma concreta lontana dalle mercificazioni artistiche in sintonia con il tempo che portiamo singolarmente nel nostro dentro.

Paolo Cattaneo, con il tour di sei date che posticipa il disco Una piccola tregua, uscito a Novembre 2016, si cimenta attraverso un set d’atmosfera in bilico con le introspezioni dell’animo umano e capace attraverso giochi di luce soffusa di convogliare energie in sintonia con il numeroso pubblico accorso per la serata costruendo architetture di rara intensità che proprio nella dimensione acustico-elettronica trovano il proprio percorso di uscita dopo un album così importante per la musica italiana degli ultimi anni.

Ad accompagnare il nostro nella difficile impresa di tradurre in modo empatico le emozioni intercettate nel disco ci sono musicisti di grande levatura con esperienze più o meno importanti nella musica indipendente e non italiana, da Fidel Fogaroli alle tastiere, ad Andrea Lombardini al basso, passando per Andrea Ponzoni all’elettronica fino alle chitarre e ai cori di Nicola Panteghini il tutto sotto il controllo dei suoni curati da Ronnie Amighetti per una prova d’insieme capace di dare un senso assolutamente percepibile a quella serie di emozioni che in Una piccola tregua sono come un fiume di bellezza mai gridata, ma regalata e concessa in dosi misurate.

Ciò che ne esce è un live che sfiora la perfezione, dove canzoni del nuovo e dei vecchi dischi si alternano in un concerto meraviglia e dove i suoni sono in funzione di un momento magico difficile da replicare e che di certo sono la dimostrazione reale che tante volte la qualità non è sinonimo di dischi venduti o di passaggi radiofonici azzeccati, ma piuttosto una ricerca che trascende il materiale per avvicinarsi ad una dimensione onirica che trova nella bellezza del sogno un ponte con la realtà che ci circonda e dove le parole acquisiscono significato proprio quando sono lì lì per svanire tra l’amore per le cose belle e i momenti che portiamo con noi.

Setlist

  1. Se io fossi un uomo
  2. Il miracolo
  3. Mi aspetto di tutto
  4. 2905-Trasparente
  5. Non ho rabbia non ho pietà
  6. Ho chiuso gli occhi
  7. Come per miracolo
  8. Se qui per me
  9. Bandiera
  10. Due età un tempo
  11. Confessioni per vivere
  12. Sottile universo
  13. Tarda pure
  14. Il gioco
  15. L’uomo sul filo

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Live Report e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.