IKE – Construction Site (IRMA Records)

Suoni concentrici che ammaliano attraverso un’elettronica che diventa cantautorato e collaborazioni a dismisura nei sentieri della vita. Musica che non ricopre i confini, ma piuttosto diventa essa stessa linea di demarcazione capace di inglobare un’intera generazione per poi trasformarla in geografia errante, in stato perpetuo di bellezza da riscoprire pezzo dopo pezzo. L’esordio di Isaac De Martin in arte IKE si avvale di numerose collaborazioni tra cui la brillante e già recensita, in queste pagine, Karla Stereochemistry per passare in velocità da Mauro Brunato a Julian Bidner, Iva Mabbasta, Alice Vivian. Una musica colorata che diventa ragione di vita, punto essenziale e necessità che esplora territori lontani e li riporta all’interno del nostro pensiero, del nostro venire al mondo. Construction site è un cantiere sempre aperto. Un’anima leggera che nell’incontro trova un senso perpetuo e necessario, un nuovo bisogno di riscoprire con attenzione le sfumature necessarie di questo nostro mondo che abitiamo.


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Elettronica, Folk, Indie Pop e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.