Iacopo Fedi – Hole in my bucket (Autoproduzione)

Risultati immagini per iacopo fedi hole in my bucket

Sentimenti da lontano west incrociati alla solitudine lo-fi e introspettiva di un disco davvero spiazzante e destabilizzante dove l’idea di fondo si sposa alla perfezione con il risultato finale. Il disco di Iacopo Fedi incrocia il folk con la desolazione desert e registrato totalmente con il cellulare e poi riversato direttamente nel programma di missaggio del pc ammalia per atmosfere ricreate e impressioni fuggevoli date da una musica cesellata canzone dopo canzone. Gli spiriti affini di questa prova sono molti dal Dylan di Pat Garrett e Billy the Kid, passando per lo Sprigsteen di Nebraska o del The ghost of Tom Joad, senza tralasciare la profondità di Nick Cave o le inquietudini di Neil Young nel suo capolavoro Harvest. Si parla di oscurità in queste canzoni, di storie che aprono buchi nella nostra anima e scavano a fondo alla ricerca di un posto migliore dove stare, alla ricerca di un posto nuovo da poter abitare, tra i conflitti della nostra epoca e i saliscendi poderosi di una realtà che non lascia vie di scampo. Hole in my bucket è un disco davvero importante, semplice nei mezzi usati, ma come diamante grezzo, di una bellezza primordiale. 


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Folk e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.