I hate my village – I hate my village (La tempesta)

Super band nata dagli incroci sonori di Fabio Rondanini, Adriano Viterbini, Alberto Ferrari e Marco Fasolo capaci di sfoderare un suono tribale che incontra generi differenti per dare senso tridimensionale ad una realtà che affonda le proprie radici nel ritmo africano e nelle sperimentazioni d’avanguardia. I hate my village è un concentrato in primis di grande capacità musicale che si snocciola canzone su canzone incalzando energia che via via apre a cantati maturati e improvvisi per un suono d’insieme che ricorda per certi versi quel The king of limbs dei Radiohead tanto ricco di sperimentazioni quanto pregno di contenuti e bisogno di comunicare. I hate my village, rigorosamente registrato su nastro, si snoda lungo strade polverose a tratti funk, a tratti psichedeliche; dal singolone Tony Hawk of Ghana fino alla title track e passando per pezzi come Location 8 o Bahum il collettivo I hate my village mescola le carte in tavola per dare vita ad un disco voodoo ed esoterico incastonato, come perla, in questi tempi oscuri. 


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.