Guy Littell – One of those fine days (AR Recordings)

Musica folk che abbraccia il rock alternativo in un concentrato di vissuti ed esperienze che imbrigliano attimi e consentono di ricreare ad ogni passaggio momenti di luce e sensazioni nascoste per un suono che si fa vintage ed elegante, compresso altalenante ad aperture sonore che ricordano le solitudini di Neil Young e le malinconie di Jeff Buckley o Nick Drake. Guy Littell è un compositore solitario che si racconta attraverso dieci tracce personali e in sovrapposizione alla chitarra elettrica dell’amico Luigi Sabino portatore di uno stile unico e capace di influenzare il singolo pezzo, perpetuando arrangiamenti in quasi tutte le canzoni proposte. Il mondo del cantautore campano è un diario di vita vissuta che si esprime al meglio in tracce come So special, Better for me, Song from a dream o No more nights raccontando di luci appariscenti che sono solo un abbaglio per questi ed altri tempi e custodendo ancora per sé quella parte segreta e dolce che risiede vicino a ciò che abbiamo sempre sperato.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre…anche se qui ci si mette il cuore.
Recensiamo i Vostri Lavori.
Ascoltiamo tutto tranne ska, reggae, hip hop metal e derivati.
Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno.
Cerchiamo di recensire tutti i lavori che ci arrivano.
*** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTO con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento.
Contatti [email protected]
RECENSIAMO SOLO MATERIALE FISICO. L’indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.

Questa voce è stata pubblicata in Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.