Goose – Dopo il diluvio (Seahorse Recordings)

Pittori dell’animo umano i Goose intessono ardite trame colorate e malinconiche in una continua ricerca volante che attraversa strade, attraversa percorsi sonori davvero importanti e che grazie a questo disco raggiungono una maturità artistica notevole. Stiamo parlando di un rock poetico lontano dalle forme indie folk o indie elettroniche del momento, un recuperare la poesia che nell’essenzialità dell’attimo scova le fragilità umane e racconta di vite, di intrecci e di rimandi a bisogni perpendicolari e d’amore attraverso canzoni che rappresentano per gli stessi una forma essenziale e di connubio con il mondo che li circonda. Pezzi come l’iniziale Cento volte, Gettato nel mondo, La ballata dei ricordi sono la summa di un disco che in Barbara trova il proprio compimento; ballate alternative quindi soffuse che non disdegnano le aperture musicali a qualcosa di più incisivo caratterizzato da una base musicale che proprio nel riff e nella struttura portante trova un punto d’appoggio per soddisfazioni che guardano in alto. Dopo il diluvio è recuperare qualcosa per riportarlo a casa, là dove teniamo i ricordi più belli, magari nascondendoli e preservandoli al tempo che verrà.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.