GiuMont – Across the river (Ars Spoletium)

Cantautorato in rock che si staglia all’orizzonte incrociando attimi che rosseggiano e parlano al cuore con voce graffiante, con voce che vuole comunicare uno stato emozionale apparentemente infinito. Il disco d’esordio del cantautore GiuMont, all’anagrafe Giuliano Montori, riesce a toccare le corde dell’anima attraverso una musica folk che parte dall’Irlanda e arriva sino al delta del Mississippi facendoci assaporare, in modo delizioso e convincente, un modo di fare musica del tutto naturale, un modo di fare musica proprio di chi ha radici profonde, di chi è capace di ascoltare, di chi riesce ancora a stupirsi davanti ad un disco ben fatto e ben soppesato. Across the river guada l’acqua dei nostri pensieri interiori grazie a dieci pezzi omogenei che riescono a dare continuità e veridicità ad un album capace di ricercare perennemente una strada da seguire. Una strada ritrovata laddove tutto sembrava essere perduto.


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.