Gianmaria Simon – Low Fuel (VREC)

L'immagine può contenere: 1 persona, occhiali_da_sole

Atmosfere desertiche e polverose che imprigionano l’ascoltatore all’interno di un mondo gravido di sogni e speranze riflettenti una stabilità che in questo caso non è sicurezza, ma piuttosto ricerca di un universo nuovo da abitare. Il disco di Gianmaria Simon si muove attraverso territori desertici, in direzione ostinata e contraria, toccando vertici di una poesia che investe e ci porta lontano con la mente e con gli occhi, in fumosi luoghi abitati da poche persone, incrociando blues, folk, rock per una prova d’autore davvero importante nella sua interezza. Da Malestante, vero e proprio inno di una opera che si apre ad una nuova luce fino a Danza zoppa, il nostro attraversa angoli di ironia tagliente e strutture che via via si definiscono per poi sorprendere di nuovo ascolto su ascolto. Low Fuel è un disco da assaporare istante su istante, un album che sedimenta ambizioni e lascia spazio al viaggio come punto di fuga e incontro verso un’altra realtà. 


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Musica d'autore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.