Fluxus – Non si sa dove mettersi (Autoproduzione)

album Non si sa dove mettersi - Fluxus

Posti da ricercare, posti da recuperare in un luogo inospitale che si chiama terra e che ci vede giorno dopo giorno rincorrere uno sperato che non convince, un posto da recuperare nel buio e nelle tenebre che avanzano nell’imprescindibile bisogno di essere e di far parte di qualcosa di importante, ma che in modo inesorabile ci relega ad essere marionette mute di una società malata. I Fluxus, super band storica targata ’90 ritorna con un disco da paura, un disco arrabbiato e carico di appeal comunicativo ed emozionale, un magma multiforme che dai toni dei grigi arriva a conquistare i neri delle nostre anime contorcendosi ispirati all’albero di una vita scarna, ma in divenire. Il rock pesante che si respira nelle undici tracce presenti in Non si sa dove mettersi è un agglomerato di hardcore rumoroso, ma caratterizzato da un contesto che via via cambia con il variare della canzone proposta, con il variare di un suono distorto e ascritto ad un flusso costante che dichiara ancora una volta da che parte stare prima che sia troppo tardi. 


Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.