Flebologic – G.I.A.D.M. (God is a drum machine) – (El-Sop recording, Jestrai)

I bergamaschi ci danno di brutto con questo flipper impazzito e distorto tanto punk quanto new wave e territori affini.

Un’esplorazione continua di strabismo musicale non lineare che regala centimetri di sogni e prorompenti visioni di mondi paralleli.

Un concentrato di foglie da aspirare che non si divincolano tanto facilmente perchè tra le corde elettriche che suonano, il rumore che ne deriva è un misto della scena newyorkese e di Chicago targata ’70, ’80 che suona sporca e degradata, dove dalle viscere tutto nasce e si trasforma.

Queste nove canzoni sono un toccasana per le malattie del tempo, una flebo di liquido che ci porta alla convinzione che alcune canzoni sono state create e strutturate per far saltare anche chi si sente fermo immobile, per far saltare chi si sente stanco per sempre.

E allora: mordenti quanto basta per farti alzare i capelli  al cielo e gridare fino ad un nuovo giorno i Flebologic confezionano un album da ascoltare in un solo sorso da digerire in poco più di mezz’ora.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.