Fabrizio Frigo and The Freezers – Donsusai (Running Dog/ Audioglobe)

Elettronica sincopata, voce affilata e tagliente ad intarsiare melodie ultra terrene che si abbandonano in divagazioni sonore comprensibili e di facile impeto pop, una formula efficace che promuove il primo lavoro di Fabrizio Frigo and The Freezers.

Nascono a Firenze nel 2011 e dopo aver condiviso il palco con artisti affermati come Elio e le storie tese, Meg, Aucan, NoBraino, Lo stato sociale e Marta sui tubi, affrontano la prova del full length e ne escono vittoriosi.

Sintetizzatori che ricordano i Subsonica e incalzare di un ritmo sostenuto a raccontare la morte in toni raggianti, vestiti di un sole che splende anche oltre la vita e si porta appresso fatiche quotidiane e velleità appunto a cui possiamo facilmente rinunciare.

In questo disco si assaporano arie di internazionalità, il tutto suona come una mistura di elettro-pop che di nostrano ha a dir poco, dando all’ascoltatore la possibilità di interpretare, in un eco surrealista,  i testi criptici e ingabbianti.

Un disco che mescola, in un eterno divenire un genere che è sempre alla ricerca di una strada da seguire, un album vissuto fino all’ultima goccia di sudore, fino all’eterna realtà oltre la vita.

 

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Alternative Rock, Elettronica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.