Eraldo Bernocchi/Prakash Sontakke – Invisible Strings (RareNoiseRecords)

sDjpcNF

Tracce eteree che si spostano in brevità soppesate e tangibili incontro a nubi sulfuree tra l’ossigeno e il cielo, il vuoto d’aria e l’etere indiscusso portatore di suoni che vanno oltre il riconoscibile e si posizionano all’interno di un viaggio soprattutto mentale, capace di scavare nell’immaginifico mondo di due musicisti sopraffini, eleganti e coraggiosi, stiamo parlando di Eraldo Bernocchi, poliedrico chitarrista italiano che ha siglato molteplici collaborazioni nei più disparati generi dall’elettronica al metal passando per il jazz e di Prakash Sontakke indiscusso strumentista lap steel indiano, due mondi completamente diversi che si fondano in cerca di una via di fuga dalla realtà, impreziosendo le tracce con suoni che mescolano il mondo, mescolano i continenti e si avvalgono di una sostanziosa ricerca tra virtuosismi e appunti elettronici, dalla bellissima introduzione di The last emperor walked alone fino all’ultima traccia The unsaid, quasi un continuo, una ruota, una sfera, un mondo, quello stesso mondo da abbracciare in una condivisione d’intenti che va oltre l’opera creata.

Info su indiepercui

Una rivista come tante altre...anche se qui ci si mette il cuore. Recensisco i Vostri Lavori. Ascolto tutto, ma gran poco ska, reggae, hip hop metal e derivati. Si predilige il folk, la musica lo-fi, il rock alternativo e tutti quello che ci gira attorno. *** Dal 2016 è aperta, inoltre, una SEZIONE FUMETTI e LIBRI ILLUSTRATI con il meglio delle proposte italiane e internazionali in collaborazione con case editrici attente al mondo in cambiamento. Contatti [email protected] RECENSISCO SOLO MATERIALE FISICO. L'indirizzo di spedizione verrà comunicato dopo contatto mail.
Questa voce è stata pubblicata in Avanguardie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.